Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 415.325.763
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 08 luglio 2010 alle 20:36

Cernusco: esperimento di 6 mesi con i "semafori intelligenti" all'incrocio. Altrimenti bretella e riqualificazione di V.Bergamo

L'incrocio di Cernusco
Sei mesi di tempo e poi se i semafori super intelligenti non funzioneranno si procederà con la realizzazione della bretella a sud dell'Esselunga e con sbocco su Via Laghetto. Il documento ufficiale che sarà sottoposto nuovamente all'assessore Stefano Simonetti, attende la firma e la convalida di tutti i primi cittadini, entro le ore 12 di venerdì 10 luglio. L'unanimità, salvo cambiamenti dell'ultimora, sembra essere quella di tentare un esperimento che, da una parte, non escluda a priori la possibilità che i semafori risolvano qualcosa e dall'altra non precluda, nel caso di fallimento, la realizzazione della bretella. Dopo infatti la comunicazione dell'assessore provinciale Stefano Simonetti di concedere 100mila euro per il posizionamento dei semafori intelligenti e nulla più, i sindaci nel corso dell'assemblea che si è svolta mercoledì sera non hanno di certo mostrato entusiasmo per questa decisione che ha tutta l'aria di dire "Beh se non vi accordate, allora arrangiatevi". "Abbiamo predisposto una lettera da inviare all'assessore Simonetti" ha commentato il presidente della conferenza Paolo Strina "in sostanza chiediamo di non procedere con la cancellazione dell'accordo di programma per l'incrocio di Cernusco poiché è un problema di carattere sovracomunale. Il fatto che Merate e Cernusco non riescano a trovare un accordo non deve portare la provincia a dire: allora non se ne fa nulla. Il senso della lettera è proprio di sottolineare che vogliamo agire assieme perchè il problema si ripercuote su tutti i paesi del circondario. Se con i semafori intelligenti la situazione avrà l'effetto migliorativo sperato, bene. In caso contrario procederemo con la realizzazione della bretellina e, come chiesto da Merate, con la riqualificazione di Via Bergamo così da sopportare il traffico che arriverà dalla bretella e rendere più fluido lo scorrimento verso Robbiate". "Il problema riguarda nello specifico i comuni di Cernusco e Merate, ma coinvolge direttamente tutto il nostro territorio" ha spiegato il sindaco di Olgiate Molgora Alessandro Brambilla. "Quello è uno snodo cruciale, un problema da risolvere e la Provincia deve prendersi le sue responsabilità e portare a termine l'opera, non discostarsi dal progetto e passare da uno stanziamento di 2,8 milioni di euro a 100.000. Ho sottoscritto insieme ad altri sindaci una lettera perchè l'Ente si prenda le sue responsabilità in merito. Il meratese non va trascurato e questo è solo uno dei progetti che riguardano il territorio ancora da mettere in atto".
"Il rappresentante dei sindaci cercherà ora una mediazione per risolvere lo snodo cruciale di Cernusco, ma non si può continuare a perdere tempo, si potrebbe iniziare a realizzarne una prima parte e poi valutare l'impatto sul traffico, per poi concluderla in un secondo momento" ha spiegato il sindaco di calco Gilberto Fumagalli.
Forse, dunque, un primo tentativo di risoluzione dell'incrocio sarà messo in atto. Resta ora da capire se tutte le parti, specie quelle interessate, sottoscriveranno la lettera.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco