Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 343.592.808
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 02/07/2020

Merate: 20 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 9 µg/mc
Valmadrera: 15 µg/mc
Scritto Lunedì 29 giugno 2020 alle 20:00

Andegardo: nato il comitato Tutela Ambiente Brugarolo per il no ai bitumi. La sindaca ha convocato per lunedì un'audizione

Sul tema Andegardo e sulla possibilità che venga concessa la possibilità di produrre bitumi e calcestruzzi si fa sentire anche Brugarolo. Preoccupati dall'eventualità che si insedi questo genere di attività a pochi passi, si è costituito di recente il Comitato Tutela e Ambiente Brugarolo. Al momento hanno aderito una ventina di persone, ma è in espansione. A tirare le fila è Cristian Bellenzier, militante della Lega a Merate. "A Brugarolo abbiamo forti problemi di carattere ambientale. Siamo circondati da industrie, tutte in regola, per carità, ma nell'insieme hanno modificato l'assetto del nostro territorio. Produrre in questa zona bitumi aggraverebbe ancora di più la situazione" commenta Bellenzier. "Saremo disponibili come COTAB a collaborare con l'amministrazione di Merate per organizzare eventi di sensibilizzazione al rispetto dell'ambiente, ma ci poniamo come obiettivo anche di monitorare l'attività dei Comuni limitrofi in materia di urbanistica e consumo del territorio" aggiunge il referente del neo comitato.


Il logo del Comitato Territorio e Ambiente Brugarolo

Il primo appuntamento ufficiale lo sta tenendo in questi minuti. È infatti in corso presso il Municipio di Cernusco Lombardone un'audizione voluta dalla sindaca di Giovanna De Capitani con i rappresentanti delle amministrazioni comunali di Merate, Osnago, Montevecchia, del Parco del Curone, delle Consulte Urbanistica ed Ecologia di Cernusco e i due Comitati: "La Vittoria del Parco" per Cernusco e "COTAB" (Comitato Tutela e Ambiente Brugarolo) per Brugarolo. Tenuti fuori dai radar cittadini, i giornalisti. Pare che l'autoinvito dei gruppi di minoranza sia stato rispedito ai mittenti. Scopo dell'incontro è di acquisire un parere di Enti o organismi interessati più o meno direttamente da quanto è stato approvato con la variante al PGT di Cernusco, che ha esteso per la società "Valagussa Cave & Calcestruzzi" la destinazione d'uso del comparto. Non più il solo trattamento di inerti, ma anche la produzione di bitumi e calcestruzzi.

 L'area dell'AT2 loc. Andegardo per la quale sono pervenute 3 osservazioni: una della proprietà che chiedeva
di alzare l'altezza da 10 a 15 metri; una del Comitato La Vittoria del Parco; l'altra delle Consulte Urbanistica ed Ecologia

I gruppi di minoranza di Cernusco avevano depositato l'8 giugno un'interrogazione sul tema Andegardo alla sindaca [clicca QUI]. De Capitani ha ritenuto però di non inserire tra i punti all'ordine del giorno del primo Consiglio comunale utile la trattazione di questo argomento. La convocazione per il 2 luglio presenta un elenco di appena tre questioni da affrontare: l'approvazione dei verbali delle ultime due sedute di Consiglio, la ratifica di una delibera di Giunta e l'approvazione della variazione di bilancio. Solo quest'ultimo sarà un punto corposo. Vi sarebbe perciò tutto il tempo di inserire anche l'interrogazione delle minoranze su un argomento fortemente sentito dalla popolazione. Tutto rimandato a venti giorni dopo, in pieno spirito vacanziero.

M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco