Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 343.571.403
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 02/07/2020

Merate: 20 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 9 µg/mc
Valmadrera: 15 µg/mc
Scritto Lunedì 29 giugno 2020 alle 18:58

Merate, lettera aperta di una cittadina al sindaco sulla situazione dell'ufficio postale


Buongiorno
questa mattina mi sono trovata con un'altra quindicina di persone sul piazzale di via della Rondinella per poter ritirare una raccomandata in posta. Ci sono andata verso le 9 pensando di trovare poche persone e un caldo tollerabile. Bene ho desistito, la fila oltrepassava i parcheggi a ridosso dell'accesso. Sono tornata in tarda mattinata e il serpentone si snodava sul marciapiede che porta fino al deposito sul retro. Senza speranza sono tornata attorno alle 12. La fila mi pareva meno "affollata" e per il momento faceva solo una curva attorno all'edificio e fortunatamente all'ombra. Ho deciso di approfittarne e mi sono messa in attesa dietro l'ultima persona. Ci sono voluti 45 minuti prima di riuscire ad arrivare allo sportello e, per un'operazione di un paio di minuti, terminare il mio bagno di sudore in posta.
Tre gli operatori allo sportello e l'ufficio che chiude al pomeriggio.
Ma dovendo evitare assembramenti non era possibile destinare qualche persona in più e tenere aperto lo sportello anche al pomeriggio? Così facendo è chiaro che tutti si trovano costretti a recarsi in posta al mattino con tutto quello che ne consegue e se, come nel mio caso, la raccomandata da ritirare è legata all'ufficio, diventa impossibile recarsi altrove.
Mi appello al sindaco di Merate sig. Massimo Panzeri: tra le varie istanze di noi cittadini, non può prendersi in carico anche questa? Il problema non è di certo mio e nemmeno legato a poche persone, ma stiamo parlando di centinaia di suoi concittadini. Non è possibile andare alla sede centrale di poste italiane e picchiare i pugni sul tavolo per avere più risorse e un orario che sia compatibile sia con chi lavora, sia con il caldo opprimente, sia con la necessità di evitare assembramenti, sia con il desiderio per una volta di essere considerati cittadini contribuenti che pagano tasse e ogni tanto ricevono anche qualche servizio?
Grazie
Antonella
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco