Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 343.568.971
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 02/07/2020

Merate: 20 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 9 µg/mc
Valmadrera: 15 µg/mc
Scritto Lunedì 29 giugno 2020 alle 17:56

Olgiate: incontro tra sindaco, residenti e barista per una soluzione agli schiamazzi

Questa mattina il sindaco Giovanni Battista Bernocco ha incontrato il titolare del Batita, i residenti e l'amministratore del palazzo dove si trova il bar per cercare di trovare una soluzione al problema degli schiamazzi e del disturbo al riposo dei cittadini, tutelando comunque la prosecuzione dell'attività commerciale.
Da sempre, infatti, e come accade un po' ovunque la convivenza tra un locale e chi vi abita è difficile perchè è difficile contemperare le esigenze di chi vuole stare a casa sua tranquillo, riposando e dormendo senza dover lottare con i rumori, e la volontà dei ragazzi di uscire a divertirsi, ritrovandosi nei locali che, a loro volta, devono lavorare per poter sopravvivere.
I rapporti tra le parti erano arrivati ai ferri corti e il sindaco è intervenuto con un incontro per cercare di mediare e trovare un punto di accordo.
“Stiamo cercando di avere una soluzione che accontenti un po' tutti. Abbiamo raggiunto un accordo per cui i residenti si astengono dal “provocare” i clienti e dall'altra parte il titolare del bar si impegna a far sì che i suoi clienti a loro volta non abbiano atteggiamenti altrettanto provocatori. Abbiamo stabilito che la sera non saranno più ritirati gli arredi e così la mattina non sarà necessario riposizionarli: questo era motivo di rumore, così facendo qualcosa dovrebbe migliorare. L'attività all'esterno al mattino inizierà un po' più tardi mentre rimane confermato l'orario delle 22.30 quale chiusura. Ci era stato chiesto di anticipare alle 22 ma voleva dire tagliare una fetta di lavoro al bar in uno degli orari in cui lavora maggiormente”.
Il problema maggiore resta infatti la parte esterna. Lo scorso anno il locale era stato attenzionato da Arpa ed aveva fatto degli interventi di insonorizzazione ma chiaramente per il patio fuori non ci sono soluzioni. Tra una settimana le parti si ritroveranno per capire se le precauzioni adottate hanno sortito qualche effetto oppure per valutare altri interventi.
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco