Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 343.588.970
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 02/07/2020

Merate: 20 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 9 µg/mc
Valmadrera: 15 µg/mc
Scritto Sabato 27 giugno 2020 alle 09:28

Osnago: in cc il car sharing nel week end per i cittadini e ''polemica'' su imu e tari

La sede municipale di Osnago
Il comune di Osnago metterà a disposizione dei cittadini il servizio di car sharing per il fine settimana. Nei giorni lavorativi l'auto elettrica di cui si doterà l'Ente sarà utilizzata dagli uffici comunali per gli spostamenti istituzionali. La macchina ad alimentazione elettrica sostituirà quella attuale a benzina, in base a un rinnovato accordo con la società E-vai. Per questo fuori dal Municipio verrà predisposta una colonnina di ricarica per il motore elettrico. L'auto potrebbe già essere in dotazione al Comune dal prossimo gennaio, ma l'uso da parte dei cittadini verrà perfezionato in una seconda fase. L'annuncio lo ha dato il sindaco Paolo Brivio durante Consiglio comunale di ieri, giovedì 25 giugno. Secondo il capogruppo di minoranza Marco Riva lo stallo di ricarica andrebbe posizionato in un luogo più funzionale per i cittadini e non in un parcheggio che già soffre per la mancanza di sufficienti posteggi necessari a soddisfare la richiesta. Per Riva sul collocamento della colonnina andrebbero ascoltati i cittadini attraverso le Consulte.

Il gruppo "Orgoglio Osnago" ha criticato la maggioranza per non aver previsto il rinvio del pagamento dell'IMU, a fronte della condizione di emergenza per il Covid-19. Per il sindaco posticipare i termini potrebbe anche essere un elemento poco utile ai cittadini, in quanto si troverebbero a dover pagare in un'unica soluzione l'intero dovuto. Brivio ha osservato che un rinvio avrebbe potuto "ingolfare" l'ufficio tributi.

A proposito di IMU è stato approvato il Regolamento comunale specifico, così come quello sulla TARI. Su quest'ultimo Riva ha fatto notare che la classificazione delle categorie di attività commerciali presenta una sotto-differenziazione ulteriore rispetto alla normativa nazionale. Nel domandare il perché, non ha ricevuto una risposta chiara. "Potrebbe aiutare gli uffici nei prossimi mesi nell'attribuire le agevolazioni previste a favore delle attività commerciali in seguito alla chiusura per Coronavirus". Brivio si è ripromesso di chiedere agli uffici e di fornire un quadro più dettagliato ai capigruppo. Sull'approvazione dei due Regolamenti comunali i quattro consiglieri all'opposizione si sono astenuti.

M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco