Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 375.610.079
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 24/01/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 8 µg/mc
Scritto Venerdì 03 giugno 2011 alle 19:13

Referendum sull'acqua: 28 sindaci della provincia di Lecco sottoscrivono il ''SI''

Molti primi cittadini lecchesi sottoscrivono un appello per il voto ai quesiti referendari per l'acqua pubblica
28 Sindaci della provincia di Lecco per il Sì ai Referendum sull'acqua
L'appello dei Sindaci lecchesi: "Il 12 e 13 giugno bisogna andare a votare 2 Sì per fermare la privatizzazione dell'acqua"

LECCO - Ben 28 Sindaci della provincia di Lecco si schierano per il Sì ai Referendum sull'acqua. Ad una settimana dal voto del prossimo 12 e 13 giugno, molti primi cittadini lecchesi hanno sottoscritto un "appello per il voto ai referendum sull'acqua: si scrive acqua ma si legge democrazia", proposto dal Sindaco di Osnago, Paolo Strina.
Scrivono i Sindaci nell'appello:
"Noi crediamo che l'acqua - fonte insostituibile di vita - debba essere considerata un bene comune e patrimonio dell'umanità. L'accesso all'acqua - in particolare potabile - é un diritto umano e sociale che deve essere garantito in una logica di mutuo sostegno a tutti gli esseri umani indipendentemente dalla disponibilità locale del bene. La copertura finanziaria dei costi necessari per garantire l'accesso effettivo di tutti gli essere umani all'acqua, nella quantità e qualità sufficienti alla vita, deve essere a carico della collettività pur prevedendo un costo del servizio che eviti gli sprechi e sia adeguato al valore di un bene non rinnovabile all'infinito. Essendo l'acqua un diritto umano universale il servizio idrico deve essere riconosciuto dallo Stato come privo di rilevanza economica. Parlare di servizio idrico integrato vuol dire prendere in considerazione il ciclo completo di trattamento dell'acqua potabile dalla sua captazione, alla depurazione e distribuzione sino ad comprendere la fase finale di raccolta delle acque reflue in fognatura e infine della loro depurazione: si tratta di un processo industriale complesso che richiede forti investimenti pubblici per garantire che il diritto garantito sulla carta si trasformi in diritto effettivo per i cittadini. Per questi motivi i sindaci firmatari dell'appello appoggiano le iniziative del Comitato referendario lecchese "2 sì per l'acqua bene comune" e chiedono ai cittadini
· prima di tutto di recarsi a votare per i referendum del prossimo 12-13 giugno, perché la rinuncia al voto è sempre una perdita per la democrazia: il voto è un diritto conquistato con enormi sacrifici e va difeso anzitutto facendolo valere, cioè recandosi alle urne per esprimere la propria opinione.
· di votare due sì ai quesiti referendari sull'acqua. Il primo quesito serve a fermare il processo di privatizzazione dei servizi idrici abrogando l'art. 23 bis della Legge n. 133/2008, relativo alla messa sul mercato dei servizi pubblici di rilevanza economica attraverso l'affidamento della gestione del servizio idrico integrato a soggetti privati attraverso gara o l'affidamento a società a capitale misto pubblico-privato. In questo modo si potrà confermare la scelta che tutti i Comuni Lecchesi hanno sottoscritto di affidare la gestione del servizio idrico a società a totale capitale pubblico. Il secondo quesito chiede di abrogare l'art. 154 del Decreto Legislativo n. 152/2006, limitatamente a quella parte del comma 1 che dispone che la tariffa per il servizio idrico è determinata tenendo conto della "adeguatezza della remunerazione del capitale investito" perché questa norma consente al gestore di caricare sulla bolletta dei cittadini un 7% a remunerazione del capitale investito. Vogliamo mantenere l'acqua in mano pubblica per garantirne l'accesso a tutti, per tutelare un bene non rinnovabile da conservare per le future generazioni, per garantire una gestione trasparente e partecipata. Per questo diciamo che si scrive acqua, ma si legge democrazia."

Hanno aderito all'appello i seguenti sindaci:

Airuno - Adele Gatti

Barzanò - Giancarlo Aldenghi

Brivio - Ugo Panzeri

Bulciago - Egidia Beretta

Calco - Gilberto Fumagalli

Casatenovo - Antonio Colombo

Cernusco Lombardone - Giovanna De Capitani

Costa Masnaga - Umberto Primo Bonacina

Cremella - Guido Besana

Dervio - Davide Vassena

Galbiate - Livio Bonacina

Garlate - Giuseppe Conti

Lomagna - Stefano Fumagalli

Mandello Lario - Riccardo Mariani

Montevecchia - Sandro Capra

Olgiate Molgora - Dorina Zucchi

Osnago - Paolo Strina

Paderno d'Adda - Valter Motta

Perego - Paola Panzeri

Robbiate - Alessandro Salvioni

Rovagnate - Marco Panzeri

Sirtori - Davide Maggioni

Valmadrera - Marco Rusconi

Verderio Inferiore - Alessandro Origo

Viganò - Renato Ghezzi

Lecco - Virginio Brivio

Cassago - Gianmario Fragomeli

Barzago - Mario Tentori

Il Comitato referendario Lecchese "2 Sì per l'Acqua bene comune" esprime soddisfazione per la presa di posizione dei sindaci. L'invito è ora rivolto a tutti i cittadini per recarsi al voto il prossimo 12 e 13 giugno, votando 2 Sì per cancellare altrettante leggi che impongono la privatizzazione dell'acqua.

COMITATO REFERENDARIO LECCHESE "2 Sì per l'Acqua Bene Comune"

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco