Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 359.780.284
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 27/10/2020

Merate: 12 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 7 µg/mc
Lecco: v. Sora: N.D. µg/mc
Valmadrera: 6 µg/mc
Scritto Giovedì 04 giugno 2020 alle 15:53

Lomagna: l'amministrazione al lavoro sulla ripresa.Attenzione a centri estivi e imprese

La sede municipale di Lomagna
La seconda mozione della minoranza di Lomagna ha offerto segnali di pacificazione tra maggioranza e opposizione, con il voto finale favorevole all'unanimità, complice un emendamento formulato sul momento. Se il primo punto all'ordine del giorno si focalizzava sul passato, il secondo era prospettato al futuro. L'opposizione guidata da Mauro Sala chiedeva di illustrare le risorse straordinarie che arriveranno da Stato e Regione e di conoscere come saranno utilizzate. Il tutto da inserire in un documento da fornire entro trenta giorni.

Non è possibile in questo momento offrire un quadro preciso delle risorse extra a disposizione, specialmente nella quantificazione economica. Il contributo più attendibile è costituito dai 350 mila euro regionali per lavori pubblici che devono cominciare entro la fine del prossimo ottobre. La Giunta avrebbe deciso di utilizzarlo interamente per la riqualificazione stradale di via Giotto. Ma su questo intervento ritorneremo in seguito.

"Ci sono poi altre risorse di cui si ha notizia perché inserite nel decreto 34 del 19 maggio, ma di cui non si conosce ancora l'ammontare complessivo" ha dichiarato la sindaca Cristina Citterio. I settori di intervento sono però noti: i centri estivi e il contrasto alla povertà educativa, l'esercizio delle funzioni fondamentali degli Enti locali. Come noto, è prevista la rinegoziazione dei mutui, che per Lomagna libera risorse quest'anno per 53 mila euro sulla spesa corrente. C'è poi il ristoro della TOSAP, la tassa sull'occupazione del suolo pubblico. Infine sono previsti fondi per la sicurezza nei luoghi scolastici, ma che probabilmente saranno gestiti direttamente dagli Istituti. Data l'incertezza sul peso specifico di questi trasferimenti risulta difficile stilare delle linee guida, ha avvertito il primo cittadino. Tuttavia le aree specialmente all'attenzione dell'amministrazione comunale sono i bisogni sociali emergenti, le attività estive per bambini e ragazzi, la gratuità della TOSAP, il ristoro della TARI, la sanificazione dei luoghi pubblici e la riapertura in sicurezza dei parchi comunali, il rientro scolastico. In questa nuova fase potranno essere richieste maggiori forze di volontariato.

La mozione chiedeva cosa si fosse fatto a favore dei commercianti locali. Anche su questo Cristina Citterio ha risposto. Ha citato l'ordinanza sindacala con cui si è data la possibilità agli esercizi commerciali di spalmare l'orario di lavoro sette giorni su sette. Sul piatto c'è poi la sospensione della TOSAP fino a fine anno, con possibilità di ampliare gli spazi esterni, compatibilmente con le necessarie misure di sicurezza. La sindaca ha specificato che per ottenere questi vantaggi sono state facilitate le procedure burocratiche delle richieste. Per fare il punto della situazione la sindaca ha svolto una conferenza con i commercianti a inizio maggio, durante la quale la premura principale emersa sarebbe stata di dare risposte rapide. Il primo cittadino ha informato che il Comune è al lavoro per fornire soluzioni definitive.

Sulle attività estive la sindaca non si è sbilanciata troppo. Ha fatto emergere tuttavia la volontà di separare quelle che sono le richieste di cura più stringenti a quelle che possono essere esperienze di socialità all'aperto. Per la prima misura sono intercorsi contatti con Retesalute e la cooperativa Paso che gestisce il CAG. Mentre per le altre attività ha colto la disponibilità delle associazioni del paese. Si utilizzeranno gli spazi esterni del parco di via Volta, il cortile della biblioteca e della scuola elementare, l'oratorio se dovesse dare la disponibilità. Si terrà conto dell'esito del sondaggio a cui hanno partecipato 94 famiglie, di cui 10 hanno risposto di non essere interessati.

La mozione sarebbe stata respinta in quanto Citterio ha detto che al momento non sarebbe in grado di fornire una relazione nei prossimi trenta giorni. Alberto Bonanomi ha chiesto di togliere il riferimento temporale in modo da far accogliere la mozione. Il vice sindaco Stefano Fumagalli ha proposto di inserire un'assunzione di impegno da parte dell'amministrazione nel tentare di perseguire le linee di indirizzo espresse nel corso del Consiglio comunale. Quanto indicato da Fumagalli è stato accolto dall'assise ed è stato formulato formalmente in un emendamento. La mozione emendata è stata quindi approvata all'unanimità.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco