Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 347.813.679
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Lunedì 01 giugno 2020 alle 15:41

Le sfaccettature della quarantena dagli occhi di un bambino

Buongiorno, mi presento sono Mattia, il ragazzo di 12 anni che ha scritto il tema sull'ippogrifo. Scrivo la presente per ringraziare la direzione del giornale per i due articoli digitali usciti sul vs. giornale. Devo dire che ho ricevuto molti complimenti e questo mi ha fatto piacere, anche se all'inizio ero un po' intimidito, ma il nonno Guglielmo, che ha scritto anche un libro in passato, ha voluto promuovere il mio scritto.
Forse potremmo concludere questa storia che ha colpito noi ragazzi da vicino raccontando un po' di più su quello che abbiamo passato.
Per questo motivo ho chiesto a mia madre il permesso di scriverLe questo ultimo messaggio. Nessuno ci ha spiegato cosa fosse la DAD ("Didattica a distanza"), ci siamo trovati all'improvviso a parlare e vederci solo tramite un computer. Nessuno ci aveva spiegato cosa fosse "classroom" e il suo funzionamento. Non è stata una passseggiata, nessuno si è mai preoccupato di intervistare noi ragazzi e considerare il nostro punto di vista. Tanti sono stati penalizzati, tanti invece si sono sentiti forse più rassicurati dietro ad un computer. Le sfacettature della quarantena sono state infinite, ma è il rapporto umano con i nostri professori e compagni è quello che ci è mancato di più.
Personalmente sono dotato di molta fantasia e ho sfruttato questa dote per viaggiare con la mente e creare degli emisferi superiori tramite i quali immaginare immaginare e ancora immaginare, cosa? un'altra vita per poter superare ogni giorno e andare avanti. Ho anche una forte passione per l'informatica e durante questa quarantena ho creato un canale youtube di cui allego il link, sono diventato credo se così si può definire un video-maker. Prima di tutto questo ero uno sportivo e facevo parte della squadra OrobiaBike di Robbiate.
Essendo obbligato a stare chiuso in casa, la mia concentrazione si è spostata su you tube, essendo anche un amatore del gioco "fortnite". Non so se questo ad oggi sia bene o un male ... forse lo capirò più avanti, come credo capirò molte altre cose e magari riuscirò ad ottenere altre risposte.
Spero di aver fatto cosa gradita presentandomi e facendoLe arrivare i pensieri di noi giovani studenti.
Grazie di cuore.
Mattia, studente delle Medie di Robbiate
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco