Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 343.628.686
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 02/07/2020

Merate: 20 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 9 µg/mc
Valmadrera: 15 µg/mc
Scritto Mercoledì 27 maggio 2020 alle 17:35

Lomagna: il Maestro della banda Caiani per gli ospiti di Corte Busca suona il clarinetto

Musica di speranza riecheggia al centro di Corte Busca a Lomagna. Dopo la positiva esperienza del violino di Giulia Carozzi [clicca QUI], la struttura per anziani ha deciso di replicare il format. Nella giornata di martedì 26 maggio il Maestro del Corpo Musicale Osnago-Lomagna Ornella Caiani è stata accolta presso il Centro.





https://youtu.be/18JsUtOEljw


Sotto il porticato gli otto inquilini degli alloggi protetti hanno gradito le melodie senza tempo che abbracciano diverse epoche. Tutti brani scelti per il forte messaggio di speranza, come lo striscione di buon auspicio sventolante in cima alla vetrata di ingresso di Corte Busca. Quell'arcobaleno accompagnato dalla scritta "Andrà tutto bene" realizzato dagli stessi anziani nel mese di marzo [clicca QUI].



Con il suo clarinetto Caiani ha eseguito il tema "Nessun dorma", tratto dall'opera Turandot di Giacomo Puccini, impressa nell'immaginario comune nella versione cantata dal tenore Pavarotti. Tra gli altri brani anche la colonna sonora del film "La vita è bella", composta da Nicola Piovani e famosa nell'interpretazione in inglese di Noa, e "We are the world" portata al successo dagli artisti americani per l'Africa.



Ornella Caiani



Maurizio Volpi e Ornella Caiani

Questo periodo di emergenza sanitaria ha mosso lo spirito di solidarietà e vicinanza tra popoli, città e paesi. La riproduzione dell'inno europeo, tratto dalla Nona Sinfonia di Beethoven, e l'inno d'Italia ha rappresentato quell'unità di intenti di cui si sente tanto il bisogno. L'inno di Mameli insieme a "Nel blu dipinto di blu" di Modugno sono state cantate spontaneamente dagli anziani di Corte Busca, felici di ascoltare dal vivo dei brani del proprio patrimonio musicale. È intervenuta anche la sindaca Cristina Citterio per un saluto agli ospiti.
Settimana prossima, per il 2 giugno, ci sarà una nuova sorpresa musicale, che siamo certi genererà pari gradimento.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco