Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 353.637.471
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/09/2020

Merate: 36 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 31 µg/mc
Lecco: v. Sora: 24 µg/mc
Valmadrera: 28 µg/mc
Scritto Martedì 26 maggio 2020 alle 18:46

Rapina in treno a Cernusco, un magrebino patteggia 2 anni e mezzo

Patteggiamento a due anni e sei mesi di reclusione per il ragazzo di origini marocchine accusato - insieme ad altri - di rapina ai danni di un giovane a bordo di un convoglio della linea Lecco-Milano via Carnate. L'episodio risale al 13 ottobre 2018, all'altezza della stazione di Cernusco.
Martedì mattina in tribunale a Lecco è stata definita la posizione di di Yassine El Ghaouat, classe 2000; quest'ultimo era accusato - insieme a Andrei Cosmin Cojocariu, rumeno classe 1998 e di un altro ragazzo straniero all'epoca dei fatti minorenne - di aver aggredito a pugni e calci un passeggero, rubandogli dalla tasca del giubbotto 10 euro e un telefono cellulare. A difenderlo l'avvocato Paolo Giudici del foro di Monza.
Per quanto riguarda invece Cojocariu, il suo difensore d'ufficio, l'avvocato Luca Marsigli, ha rilevato come la notifica dell'udienza preliminare fosse da considerare non valida; al suo assistito, irreperibile di fatto, non è mai stato notificato il decreto di fine indagini. Eccezione accolta dal giudice Salvatore Catalano, che ha rinviato gli atti al pubblico ministero Andrea Figoni, presente in aula in sostituzione del collega Paolo Del Grosso, titolare del fascicolo d'indagine.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco