Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 340.269.845
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/06/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: <2 µg/mc
Lecco: v. Sora: 7 µg/mc
Valmadrera: 5 µg/mc
Scritto Giovedì 21 maggio 2020 alle 19:14

Montevecchia: ordinanza per regolare gli accessi in collina durante il fine settimana

È stata emessa in data odierna la nuova ordinanza del sindaco di Montevecchia Franco Carminati per regolare i flussi di persone nei fine settimana.

Il transito veicolare continuerà ad essere bloccato in via Belvedere. Questa volta però il divieto ufficiale sulla strada provinciale scatta fin dall'intersezione con via Alta del Poggio e non più alla curva dell'oratorio (intersezione con via Donzelli). Fino ad ora nello stesso punto c'era soltanto un gruppo di volontari che potevano dare le indicazioni e le informazioni circa l'ordinanza. Con l'ultimo atto a firma del sindaco la Polizia locale potrà invece iniziare a sanzionare già pochi passi sopra l'incrocio semaforico delle Quattro Strade a valle.

Potranno accedere i residenti muniti di "pass" cartaceo. La stampa di questi titoli di accesso è costata al Comune ad oggi oltre 700 euro.

I visitatori potranno accreditarsi attraverso il portale internet www.promontevecchia.it/index.php/montevecchia-pass
Il sito sarà utilizzato anche dai ristoratori per i propri clienti. Poco chiaro il passaggio dell'ordinanza circa la consumazione dei prodotti. Sono ammessi infatti "i clienti per l'asporto con consumazione esclusivamente presso il proprio domicilio e non in zona Alta Collina". A leggere così una persona non potrebbe mangiare un gelato in piazza Agnesi, ma dovrebbe portarsi la coppetta o il cono a casa.    

Un'altra modifica sensibile riguarda il numero di persone in Alta Collina. Nella precedente ordinanza dell'8 maggio era stata riconosciuta una soglia massima di persone ammesse a circolare a piedi o a bordo di mezzi sull'intera Alta Collina. Per calcolare il numero fino a 500, era stata acquistata un'applicazione al costo di oltre 1.000 euro. La decisione di oggi è invece di contingentare l'area alla sola piazza Agnesi. Lì non potranno accedere più di 100 persone (contro le 150 ammesse fino alla scorsa settimana).

Per ridurre il rischio di ingorgo di pedoni la via Sant'Anna e la strettoia di accesso alla località "Busa di Com" saranno chiuse. Idem per il sentiero 108 (Casarigo-Galeazzino). Il sentiero Oliva sarà a senso unico (a scendere). Verrà creato "un circuito in via Largo agnesi con unico ingresso da via Cappelletta e uscita dal sentiero Oliva e sulla via Alta Collina".

Ci saranno "check point" dei volontari in via Belvedere (SP68) all'intersezione con via Alta del Poggio, all'intersezione con via Donzelli, in via Cappelletta e in Largo M.G. Agnesi-ingresso via Alta Collina e sentiero Oliva. Gli unici incaricati alla vigilanza sono però gli agenti di Polizia locale.  

L'ordinanza non dice nulla in merito alla presenza dei pedoni in Alta Collina. Dunque chi arriva a piedi o in bicicletta non sarà più soggetto a controlli.

L'ordinanza non specifica il periodo di validità. Sembrerebbe dunque essere la versione destinata a rimanere invariata nel tempo.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco