Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 347.688.654
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Lunedì 18 maggio 2020 alle 17:29

Robbiate, parco Coglia

Il governo ci ha dato una serie di regole per il ritorno alla vita all’aperto.
Si va dalle semplici passeggiate, anche distanti da casa, agli allenamenti sportivi, alle corse, all’apertura di parchi e giardini (chiusi dall’inizio del lockdown).
Ma le precauzioni restano sempre le stesse: evitare assembramenti e mantenere il distanziamento di minimo un metro.
Ieri pomeriggio nel “parco Coglia” a Robbiate la situazione era un po' diversa.
C’erano parecchie persone, gente seduta sulle panchine a fare “comunella” e gruppi di ragazzi che giocavano a calcio davanti all’unica porta del parco.
Speriamo che fra due settimane non dovremo chiudere ancora tutto solo perché alcune persone “fingono” di non capire quello che gli viene detto.
Se c’è scritto camminare, passeggiare, correre con la mascherina, non vuol dire sedersi sulle panchine, abbassare la mascherina e chiacchierare… è un po' diverso.
La polizia locale ieri pomeriggio era giù alla diga di Robbiate a fare i giusti controlli, e nel parco nessun controllo ( il gatto non c’è, i topi ballano).
Purtroppo sappiamo che la polizia locale non può arrivare da ogni parte, ci si affida al buon senso dei cittadini. “Andiamo bene”
Un lettore
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco