Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 354.184.076
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 20/09/2020

Merate: 29 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 25 µg/mc
Lecco: v. Sora: 23 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Scritto Martedì 12 maggio 2020 alle 18:31

Al sig. Alessandro: autopsie in Lombardia per il troppi morti

Egregio Sig Alessandro,
non so dove abbia raccolto le informazioni contenute nella sua lettera, e non mi é chiaro cosa voglia dimostrare con esse. Avendo la Lombardia totalizzato oltre la metà dei morti totali in Italia per Covid 19, mi sembra logico che qui si sia proceduto a studiare anche attraverso le autopsie; mai più credo potessero farlo, per esempio, in Basilicata dove hanno avuto in tutto 27 morti in due mesi, meno di quelli avuti in un solo fine settimana di marzo nel solo ospedale di Merate.
Evidentemente le mancano le conoscenze minime per poter fare questa correlazione tra Infezione da Covid 19 e decessi ed allora cerco di chiarirle le idee.
Il meccanismo con cui il Covid 19 determina la malattia, ed in alcuni casi la morte, è una “cascata infiammatoria” abnorme che riguarda praticamente tutti gli organi e le funzioni da esse svolte compresa la coagulazione del sangue. Per questo nelle autopsie eseguite su alcuni deceduti è stata riscontrata la presenza di microtromboembolie sia polmonari che a carico di altri organi. La terapia vera delle tromboembolie è di tipo ospedaliero ed eseguirla a domicilio risulta complesso e pericoloso, come dimostrano i molti casi di emorragie anche mortali verificatesi tra i pazienti Covid, ed in ogni caso da sola non è in grado di vincere la malattia. Non mi dilungo qui a descrivere quali altri meccanismi sono responsabili della morte di pazienti affetti da Covid 19, quello che vorrei invece farle comprendere è che le malattie epidemiche vanno stroncate sul nascere evitando duramente la diffusione del contagio e non curate disperatamente una volta che si siano ampiamente diffuse. Pertanto la responsabilità di quanto è accaduto - in quanto a decessi e contagiati - ricade sulla inefficienza degli organi sanitari preposti, per legge, a questa funzione.
La diffusione del contagio si evita applicando quello che si chiama tecnicamente Biocontenimento.

Il Biocontenimento significa:

    forte protezione degli operatori sanitari coinvolti con dispositivi appropriati.
    trasporto con criteri speciali dei contagiati o sospetti tali e loro ricovero in ambienti idonei
    preservazione delle strutture ospedaliere per acuti con apposite zone filtro
    drastiche misure di isolamento e monitoraggio della popolazione


Tutto questo nella nostra regione non è accaduto o è accaduto molto tardivamente.
Questo è alla base del disastro e non le disposizioni di cremazione delle salme dei deceduti per epidemie che sono regolate, peraltro, da leggi dello Stato e non dalla volontà di un ministro.

Distinti saluti
Un operatore sanitario
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco