Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 347.684.699
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Martedì 12 maggio 2020 alle 14:52

I senza vergogna

Gentile Direttore

Nel 2001, a fine legislatura, il Governo Amato approvò la riforma dell'Art. V della Costituzione, con l'obbiettivo di placare le pruderie secessioniste di bossiana memoria. La sventurata iniziativa ha attribuito alle Regioni competenze in materia di sanità pubblica, creando venti grotteschi ministeri della salute e incentivando gli attuali disastri.

Venti Presidenti dei Consigli Regionali, non Governatori, tale carica è negli U.S.A, dove vige un sistema federale, il nostro è uno stato unitario: la Lombardia non è la California e nemmeno il Sud Dakota (cit. Sabino Cassese, costituzionalista). Sono emersi personaggi privi della pur minima competenza, vestiti di autorefenzialità, arroganza e servilismo ai danti causa, tranne rarissimi casi, anche a destra.

In Lombardia è accaduto quanto nemmeno il pessimista più easasperato poteva prevedere: in Val Seriana su pressione degli industriali e per il "tira e molla" del governo non è stata creata la zona rossa, poi Gallera ha scoperto che poteva prendere lui la decisione; ad Alzano Lombardo sono stati riaperti ospedale e pronto soccorso nonostante ci fossero già riscontrati casi di coronavirus, provocando migliaia di morti. Al P.A. Trivulzio sono stati scaricati decine di anziani affetti dal virus, il D.G. Colicchio, detto "il Filosofo", in quota Salvini (fonte Gad Lerner) ha rimosso il direttore sanitario Prof. Bergamaschini, geriatra di fama mondiale, perché reo di aver imposto al personale l'uso di mascherine. Circa 300 decessi ufficiali e due dipendenti della cooperativa di servizi che hanno denunciato la situazione sono stati licenziati, pare su pressione del Filosofo. Attualmente un principe del foro (a nostre spese) sta cercando di ridimensionare i numeri dei decessi; 10 morti sono omicidio 1000, sono statistiche (cit. Goebbels).

Non si sono più avute notizie in merito alla barzelletta dell'ospedale ex fiera, 1000 posti, poi 600, poi 250, pare siano ricoverati 5 pazienti. Nonostante la gran cassa mediatica, a Bergamo nella tenso struttura realizzata dagli alpini con il supporto tecnico e la gestione di Emergency (un'ONG, Enzo) sono 400 ricoverati, mi astengo dal commentare.

Ma le opposizioni in Consiglio Regionale dove sono? Cosa aspettano a chiedere il commissariamento della Giunta e magari ottenerlo? Fontana scarica tutto sul governo da buon ventriloquo di Salvini, Nonno Fermo direbbe: L'è semper culpa dï olter!(è sempre colpa degli altri)

In un contesto in cui le persone vengono multate "ad cazzum" con sanzioni da 400 euro, con pretesti parossistici e arbitrari, Massimo Augusto purtroppo Sindaco di Merate "istiga" a infrangere le regole facendosi sbertucciare da tutto lo Stivale, per la prima volta Geppi Cucciari mi ha intristito non certo per sua colpa. È mia personale opinione che se Panzeri avesse un minimo di dignità si accollerebbe le assurde multe comminate ai meratesi e ... si dimetterebbe, ma non succederà.

In un mio precedente intervento auspicavo che il P.D tappezzasse Merate con manifesti richiedenti le dimissioni del cosiddetto sindaco (minuscolo), cosa aspettano? Che faccia ancora danni per quattro anni?

Sono certo che verrò violentemente attaccato dai soliti "coraggiosi".

Grazie per l'attenzione,

Fulvio Magni
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco