Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 347.813.365
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Sabato 09 maggio 2020 alle 17:46

Didattica a distanza

Buongiorno,
Scrivo in merito alla didattica a distanza, della signora di Brivio.
I miei figli frequentano la scuola media di Robbiate, stanno facendo didattica a distanza tranquillamente. Il dirigente è sempre lo stesso della scuola primaria di Brivio.
Credo dipenda dagli insegnanti, non dal dirigente. Alcuni prof, mandano compiti, fanno videoconferenze, e alcuni mandano solo compiti con relative spiegazioni. Nella primaria non so come si sono attivati, ma sicuramente la colpa non è del dirigente, ma degli insegnanti di sua figlia. So che alcuni bambini della primaria fanno videoconferenza, altri no, ripeto sta a discrezione degli insegnanti. Se sua figlia non fa videoconferenza o video lezioni, è perché l'insegnante non vuole farlo. Alcuni compagni di mia figlia, alla primaria usavano classroom, mia figlia no. Quest'opinione bambini andavano a scuola, nel complesso dei paesi che fanno parte di questo istituto. Quindi prima di dare la colpa al dirigente, che è una persona sempre attenta ai suoi studenti, sentiamo i motivi degli insegnanti!!
Sara
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco