Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 413.911.244
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 05 maggio 2020 alle 19:14

Calco, in troppi in giro, l'appello del sindaco ad usare cautela: l’emergenza non è finita

Troppe persone in giro in coppia, se non addirittura in comitiva. Giovani e adulti, amici e famigliari.
Una situazione che si è presentata di fronte agli occhi degli agenti della Polizia locale di Calco nei primi giorni della fase 2, riferita con un certo
Il sindaco Motta
sconforto al sindaco Stefano Motta che ha poi utilizzato il consueto collegamento video pomeridiano per l'aggiornamento dei casi di contagio in paese e provincia, oltre che spazio virtuale per i chiarimenti dei temi più importanti legati all'emergenza, per lanciare un sentito appello a non abbassare la guardia. ''Stiamo arginando faticosamente e anche confusamente un'epidemia senza precedenti di natura virale'' ha esordito.
''Ora che stiamo riacquistando margini di movimento e libertà, evitiamo per favore di far scoppiare l'epidemia della stupidità. Se non vogliamo subire l'onda di ritorno del contagio, se non vogliamo che il virus che sin qui ha risparmiato la nostra famiglia finisca per coinvolgerla, se non vogliamo che il tracollo economico sia ancora più pesante, usiamo la massima cautela. Di fronte ad interpretazioni diverse della stessa norma, facciamo sempre riferimento a quella più restrittiva. Troppe persone, come mi hanno segnalato con non poca preoccupazione i nostri vigili urbani, girano indisturbati senza precauzioni. Abbiamo ricevuto tantissime segnalazioni anche da cittadini preoccupati per loro stessi e anche per gli altri. Usiamo la libertà riacquistata per fare una lunga passeggiata, ma l'esercizio fisico e mentale che dobbiamo compiere è quello del buonsenso. L'emergenza non è finita e lo dicono alcuni dati fondamentali. A scanso di equivoci, per quei cittadini refrattari alle norme, che dicono e scrivono che faranno come vogliono, dico che l'interpretazione che vale è in fondo quella delle forze dell'ordine, che vi fermano e vi sanzionano''.

Il bilancio del contagio si conferma stabile da alcuni giorni a Calco: 45 i cittadini positivi, 9 i decessi e 22 le quarantene attive.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco