Scritto Marted́ 17 aprile 2018 alle 19:38

Osnago: ufficiale il CdV per i commercianti. Presentazione insieme alle forze dell'ordine


È stata ufficializzata lunedì sera, 16 aprile, presso la sala civica "Sandro Pertini" una nuova iniziativa del "Controllo del Vicinato" di Osnago, a due anni dalla sua costituzione. Alle sette linee per i residenti e una di coordinamento, se ne aggiunge un'altra composta dai soli commercianti. In via sperimentale gli esercenti avevano già realizzato una rete, che adesso conta una ventina di aderenti. Complessivamente il CdV di Osnago ha superato quota 240, circa il 5% degli abitanti. A sfornare questi dati è stato il referente Massimiliano Casiraghi.

Il referente del Cdv di Osnago Massimiliano Casiraghi

Il sindaco Paolo Brivio

Ha poi aggiunto che, confrontandosi con la Polizia locale che opera anche a Lomagna, nella linea di coordinamento sono confluiti anche i coordinatori del CdV di Lomagna. Il sindaco Paolo Brivio si è congratulato per i risultati ottenuti. «So che la vostra associazione ha saputo diffondere la propria esperienza nel territorio. Ringrazio soprattutto per la fattiva, stretta, continua collaborazione con le Istituzioni locali. Da questo punto di vista mi sento di ringraziare per il metodo di lavoro, oltre che per il merito» ha dichiarato il primo cittadino. Il Controllo del Vicinato è nato negli Stati Uniti negli anni Settanta e si è poi diffuso strutturalmente anche nel Regno Unito. In Italia i primi tre nuclei risalgono al 2009, tra cui uno a Rodano, nel Milanese.

Paolo Colombo, referente ACdV - zona Monza Brianza/Lecco

Nel 2013 è stata formalizzata come associazione nazionale e attualmente si contano oltre 1.600 gruppi. «Raddoppiamo ogni anno. Questo è il trend. Sono sicuro che vedremo cose interessanti in futuro» ha premesso il presidente ACdV Leonardo Campanale. Ha poi evidenziato le tipologie di vulnerabilità che residenti e commercianti dovrebbero cercare di ridurre per non rendere la vita facile ai malintenzionati.


Possono riguardare le condizioni strutturali degli edifici, i comportamenti dei singoli, la situazione del territorio fissa (ad esempio l'assenza di illuminazione pubblica) o temporanea (i cantieri dei lavori in corso), lo status dei residenti o il valore merceologico dei prodotti di un negozio. «Bisogna rimuovere le vulnerabilità senza limitare la fruibilità degli spazi per i clienti e l'erogazione del servizio. Nel residenziale, la possibilità più immediata è di chiudersi, ma nel commerciale si deve tenere aperto per ovvie ragioni. Bisogna trovare un equilibrio».

 

Il maggiore Roberto De Paoli, comandante della compagnia dei carabinieri di Merate

Il maresciallo capo della Guardia di Finanza Gabriel Del Biondo

Il vantaggio dei commercianti per la comunità è di essere sempre in contatto con le persone, entrando a conoscenza di molte informazioni che possono essere utili a conoscere a fondo il contesto del quartiere. Anche per questo la nuova linea per commercianti e artigiani del CdV di Osnago, uno dei primi esempi, ha avuto il pieno avvallo delle forze dell'ordine. «Penso che traslare il Controllo del Vicinato da residenziale a commerciale valga la pena - ha dichiarato il maresciallo capo della Guardia di Finanza Gabriel Del Biondo - Da una segnalazione di banconote false a Osnago stiamo riuscendo a risalire la filiera criminale per arrivare a chi le produce».

Leonardo Campanale, presidente ACdV

Molte le domande del pubblico per avere, ad esempio, maggiori dettagli sui dati statistici riguardanti i reati. Il maggiore Roberto De Paoli, comandante della compagnia dei carabinieri di Merate, ha risposto invece sul fenomeno dell'elemosina fuori dagli esercizi commerciali. «Il reato di accattonaggio non esiste più. Noi non possiamo intervenire, a meno che non riceviamo segnalazioni di comportamenti molesti o verifichiamo che non posseggono il permesso di soggiorno. Questi signori stanno lì perché fatturano e osservano. Ci sono commercianti che hanno chiesto loro di allontanarsi, altri no. I commercianti potrebbero consigliare ai clienti di non lasciare i soldi». Molti i suggerimenti offerti dalle forze dell'ordine e dai rappresentanti del Controllo del Vicinato per adottare le precauzioni utili ai commercianti, i quali avranno sicuramente fatto tesoro dell'esperienza maturata negli anni dagli ospiti in sala.

M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco