Scritto Mercoledì 23 febbraio 2011 alle 09:22

Sartirana: terminati i lavori di sfalcio del canneto. Minoranza critica. Robbiani: ''Abbiamo agito secondo il parere di esperti''


I lavori per la sagomatura del canneto della Riserva lago sono ormai terminati. Restano da smaltire qua e là i resti delle cannette tagliate e ancora galleggianti sulla superficie dell'acqua e poi l'intervento potrà ritenersi concluso. Nelle scorse settimane, come si ricorderà, due ruspe avevano fatto il loro ingresso tra i canali e, creato un apposito passaggio, avevano iniziato a lavorare mangiandosi metri cubi di terra e vegetazione e, con l'aiuto di una speciale chiatta galleggiante, erano riuscite a raggiungere gli isolotti per procedere allo sfalcio e alla creazione dei corridoi per il ricircolo dell'acqua.
Interventi ritenuti indifferibili e urgenti, come avevano provveduto a comunicare all'inizio dei lavori dall'ufficio preposto, per lo stato di criticità e di fragilità della Riserva, vittima di una stagnazione mortifera.

VIDEO



L'amministrazione meratese, consultati diversi esperti in materia, ha deciso di procedere con un intervento che, a prima vista, pare abbastanza invasivo o comunque importante. Il canneto è stato sfalciato in più punti, sono stati aperti dei corridoi per il ricircolo dell'acqua e i sentieri che costeggiano il lago, specialmente quelli sul lato ovest, sono stati ripuliti dalla fitta vegetazione, tanto che ora è rimasto, per via anche delle condizioni meteorologiche, un sentiero paludoso e fangoso, dove è praticamente impossibile camminare se non dotati di stivali o a rischio di sprofondare fino alle caviglie.


L'operazione oltre a non essere passata inosservata non ha mancato di suscitare critiche e polemiche, oltre a una certa dose di preoccupazione. Il gruppo di minoranza "Insieme per Merate" ha depositato nei giorni scorsi un'interrogazione dove si chiedono spiegazioni più circostanziate dell'intervento svolto.


Pare che dall'università di Milano alcuni esperti abbiano già effettuato dei sopralluoghi, prima e dopo l'intervento, tracciando un giudizio negativo. C'è chi teme che diverse nidificazioni siano andate perdute così come possano essere state danneggiate la crescita di ninfee e di cicuta virosa.


"Non ci siamo mossi in maniera avventata" ha tagliato corto il sindaco Andrea Robbiani "abbiamo consultato diversi esperti e chiesto formalmente dei pareri su come agire su un sito che per anni è rimasto lì in attesa di interventi che non sono mai arrivati. Il giudizio è stato unanime e per poter ridare un po' di vitalità alla riserva era necessario creare dei ricircoli d'acqua e sfoltire le aree dove la stagnazione rischiava di far soffocare tutto l'ecosistema. Non abbiamo certo agito senza criterio: si tratta di un angolo di Merate da preservare e curare e per questo abbiamo chiesto più pareri. Fino ad oggi nessuno si era mai mosso concretamente. Questa interrogazione di Insieme per Merate mi stupisce perchè nel corso del consiglio di gestione della Riserva ho avuto modo di spiegare ampiamente di cosa si trattava e come ci stavamo muovendo. Mi pareva che lo stesso consigliere Albani avesse ricevuto risposta agli interrogativi posti. Evidentemente anche il lago è un modo per fare polemica. E' chiaro che questo intervento sarà da giudicare tra qualche tempo quando si procederà con l'analisi delle acque e di tutto il sistema. Noi comunque ci siamo mossi stando al piano delle regole della Riserva e secondo i pareri degli esperti".


Come dicevamo, l'intervento non è però stato condiviso e in calce riportiamo l'interrogazione di Insieme per Merate.
Alla c.a. del Sindaco del Comune di Merate
Sig. Andrea Ambrogio Robbiani
Ass.Ecologia Massimiliano Vivenzio



Oggetto: Interrogazione a norma degli Art. 51, 52 e 53 del "Regolamento del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari" del Comune di Merate - relativa ai lavori che hanno interessato il SIC di Sartirana nel mese di Gennaio 2011.

Premesso che:

    * In data 14 Luglio 2010 è stato adottato con Deliberazione n.22 di Consiglio Comunale il Piano di Gestione SIC IT2030007 "Lago di Sartirana"

    * Nel corso della discussione è stato affermato dal Sig. Sindaco: "che questo documento traccia delle linee guida, non é vincolante e deve essere posto in essere in base alle esigenze ed alle valutazioni che verranno fatte di volta in volta sugli interventi da attuare da parte del Comitato Tecnico-Scientifico. Nessuno é così pazzo da eseguire interventi che possano essere negativi per il Lago".

    * Sul sito Meratenews compare la seguente informazione in merito all'inizio di lavori in oggetto: "I lavori sono stati affidati alla Azienda Agricola CATTANEO S.r.l. con sede in Valbrembo (Bg). I lavori iniziano nel mese di gennaio 2011. Le opere previste rivestono carattere di pubblica utilità, indifferibilità e urgenza".

Facendo notare che:

    * I lavori eseguiti dall'azienda incaricata hanno prodotto lo sradicamento di alcuni tratti di canneto

    * Gli stoloni della canna d'acqua che sono stati divelti, e non recuperati per essere smaltiti fuori dal bacino, andranno a radicare e creeranno nuove zone a canneto (Foto 1)

    * L'apertura di canali ha intaccato il sedimento e rimesso in circolo nell'acqua i nutrienti. Rimescolare il sedimento significa rendere di nuovo utilizzabile quel fosforo sedimentato da anni sul fondo, facendo aumentare l'eutrofizzazione che è il più grave fattore di invecchiamento di un lago

    * Il sedimento rimesso in circolo nel lago crea gravi danni meccanici alle strutture dello zooplancton che sono il cibo per gli avanotti

    * È stato rimodellato un sentiero con il passaggio dei mezzi pesant,i distruggendo la naturalità del luogo

    * Gran parte del sedimento rimosso è stato ribaltato sul canneto, questo sarà destinato a ritornare nel lago vanificando l'operazione per cui era stato eliminato

gli interroganti chiedono:

    * di conoscere, con adeguata documentazione, in quali termini l'Amministrazione di Merate abbia sottoposto la richiesta di parere all'organo competente provinciale sull'esecuzione di tali lavori

    * quale sia il testo della risposta scritta ricevuta dall'organo provinciale

    * da chi risulta essere composto il Comitato Tecnico-Scientifico abilitato - secondo quanto affermato dal sig. Sindaco nel corso del Consiglio Comunale del 14.07.2010 - a valutare le esigenze del SIC "Lago di Sartirana" e come si è espresso su tale intervento ante realizzazione

    * se l'Amministrazione comunale ritiene la qualità dei lavori svolti compatibili con la natura di SIC del lago di Sartirana.

    * quali ragioni hanno portato a selezionare una azienda agricola per svolgere questo lavoro

    * a quanto ammonta il costo degli interventi sostenuti

Per la presente interrogazione non è richiesta risposta scritta.
Ringraziando, salutiamo distintamente

Merate, 21/02/2011

Gruppo Consiliare "Insieme per Merate"
Cesare Perego, Giovanni Battista Albani, Gabriella Mauri,
Achille Panzeri e Roberto Riva

S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco