Scritto Venerd́ 20 febbraio 2015 alle 16:37

Provincia: 1559 nuove imprese, saldo positivo e in crescita. Individuali il 49,5%, artigiane il 34,1%, il 18,6% femminili

Nel 2014 nella nostra provincia sono nate 1.559 nuove imprese (+2,3% rispetto al 2013) e ne sono cessate 1.448 (-16,7%) . L’aumento delle iscrizioni e la diminuzione delle cancellazioni ha generato il saldo positivo di 111 unità (contro le -214 del 2013).
I dati sono stati diffusi dall’unità di “Studi, Programmazione, Statistica e Osservatori” della Camera di Commercio di Lecco.
Il dato non comprende le cessazioni d’ufficio, cioè quelle imprese che – in base al DPR 247/2004 – sono state cancellate dal Registro in quanto non più operative. Nel 2014 queste ultime sono state 320.
Questo il dettaglio tra iscrizioni e cessazioni delle attività nel nostro territorio:

Sono 26.716 le imprese registrate nella nostra Provincia:

Osservando i diversi settori di operatività, si può notare come a fine anno il 4,3% delle imprese lecchesi operava nel settore primario; il 35,6% nel secondario (di cui il 17,9% nelle costruzioni); il 23,4% nel commercio e il 36,7% nei servizi . Il saldo è cresciuto in tutti i settori tranne l’agricoltura. Il settore delle costruzioni ha visto la nascita di 32 nuove unità, l’industria nel complesso di 13; commercio + 47, servizi +58, agricoltura -7 unità.
Il tasso di crescita dell’agricoltura è pari a -0,6%; costruzioni +0,7%; totale industria +0,1%; commercio +0,7%; servizi +0,6%.
Questi sono i principali risultati emersi dai dati Movimprese sulla natività e mortalità delle imprese lecchesi recentemente diffusi da Unioncamere.

“La provincia di Lecco è stata l’unica in Lombardia a incrementare le iscrizioni rispetto al 2013”, sottolinea il Presidente dell’Ente Camerale Vico Valassi. “Questo dato ci conforta, in quanto testimonia come nel nostro territorio la voglia di fare impresa non sia venuta meno nonostante la crisi”.
“Pur a fronte del ‘taglio’ del diritto annuale stabilito dalla Legge 114/2014, la nostra Camera con la propria azienda speciale L@riodesk continua a promuovere la diffusione della cultura d’impresa e a sostenere l’auto-imprenditorialità, con particolare attenzione all’aggiornamento e alla valorizzazione del capitale umano, al ‘fare rete’, all’innovazione”, prosegue il Presidente Valassi.  “Proprio sul Bando innovazione nell’ambito dell’Accordo di Programma tra Regione e Sistema camerale lombardo, nel 2014 la Camera di Lecco ha assegnato contributi a imprese locali per oltre 310.000 Euro: il 5,9% del totale regionale, il doppio del ‘peso numerico’ delle nostre aziende (2,9%)”.
“Prosegue l’impegno camerale su progetti di sistema a favore della nuova imprenditoria, dal Punto Nuova Impresa che fornisce informazioni e orientamento su procedure amministrative e strumenti di finanziamento all’iniziativa ‘Lecco crea impresa’ promossa con il Politecnico di Milano, dedicata ai giovani con idee innovative per favorire la nascita di start-up ad alto contenuto tecnologico. In 7 anni ben 15 progetti locali hanno ottenuto il ‘Premio speciale per la migliore idea imprenditoriale lecchese’ nell’ambito della business plan competition annuale ‘Start Cup Milano Lombardia’. Prioritari restano gli investimenti sulle competenze e sull’innovazione, incluse ricerca, cooperazione tecnologica e formazione continua per sostenere lo sviluppo del tessuto economico della nostra area”, conclude il Presidente Valassi.

Con riferimento alle forme giuridiche, a fine 2014 il 25,1% delle imprese lecchesi operava come società di capitale; il 23,2% come società di persone; il 49,5% come impresa individuale; il 2,2% come “altra forma”.

Aumentano  le società di capitali (Lecco +1,6%; Lombardia +2,6%; Italia +3,3%) e le imprese individuali (Lecco +0,5%; Lombardia +0,4%; Italia -0,3%); diminuiscono le società di persone (Lecco -0,9%; Lombardia -0,8%; Italia -1%) e le “altre forme”(Lecco -0,8%; Lombardia +3,3%; Italia +2,8%)


Anche nel comparto artigiano lecchese migliora la differenza tra iscrizioni (583, +2,6% rispetto al 2013) e cessazioni di imprese (610, -14,9%). Il saldo è sempre negativo, ma diminuisce da -149 a -27 imprese (il tasso di crescita è passato da -1,6% a -0,3%)

Le ditte artigiane a fine 2014 erano 9.116, ovvero il 34,1% del totale delle imprese registrate: il secondo valore più elevato in Lombardia dopo Como (34,3%).

A fine 2014 le imprese lecchesi gestite da giovani sono il 9,7% del totale : Lecco è all’ottavo posto in Lombardia, preceduta da Lodi, Pavia, Bergamo, Cremona, Brescia, Varese e Sondrio.

Le imprese gestite da donne sono il 18,6%. Anche in questo caso Lecco è in ottava posizione in Lombardia, preceduta da Sondrio, Pavia, Mantova, Brescia, Cremona, Varese e Bergamo. Le aziende gestite da stranieri sono il 6,5%, dato che pone Lecco al penultimo posto nella graduatoria delle province lombarde (precedendo solo Sondrio).
Il 79,5% delle imprese straniere nel territorio lecchese è stato costituito da cittadini extracomunitari, e il restante 20,5% da comunitari.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco