Scritto Mercoledý 27 novembre 2013 alle 16:38

Fusione dei comuni: progetto da non appoggiare e da non copiare

Gentile direttore,
sto leggendo i vari interventi in merito al referendum sulla fusione di Verderio Inferiore e Verderio Superiore e mi sento incuriosito dalla querelle che ne è uscita.
Premesso che sono di Annone Brianza e per cui non sono coinvolto direttamente dalla cosa ma ne approfitto comunque per lasciarvi la mia opinione appassionata.
Ho letto che è la terza volta che si tiene questo referendum e mi chiedo: ma quante volte bisogna farlo per far capire a certi amministratori che la gente ha già detto di NO per ben due volte?!
In tempi di crisi economica e spending review, perché si è deciso cocciutamente di buttare dalla finestra soldi pubblici per indire per LA TERZA VOLTA ancora questo referendum?
La strategia sarebbe che ogni dieci anni i promotori della fusione faranno all'infinito un referendum fino a quando la gente, presa per sfinimento, andrà a maggioranza a votare si alla fusione? Davvero non si capisce.........
Io vivo in un piccolo comune, Annone Brianza, dove pur con le difficoltà economiche dovute ai continui tagli, nessuno si è mai sognato di cancellare l'identità e la storia del nostro comune fondendolo con Oggiono o altri....per far cosa poi? Cosa ci guadagneremmo?
L'esenzione dal patto di stabilità per tre anni? E poi dal quarto anno cosa faremo?
Spero solo che questa idea fantasiosa del fondere i comuni non diventi una "moda" di qualche amministratore per nascondere le proprie incapacità nell'amministrare, perché io come tanti al mio piccolo comune CI TENIAMO MOLTISSIMO!
Luigi Colombo
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco