Scritto Luned́ 12 agosto 2013 alle 17:14

11 lavoratori in settori a rischio pizzicati positivi a stupefacenti

E' di 11 lavoratori trovati positivi a sostanze stupefacenti (4 alla cocaina e 7 a cannabinoidi) il bilancio degli accertamenti condotti nel corso del 2012 dall'Asl di Lecco su un campione di 858 lavoratori con mansioni che comportano particolari rischi per la sicurezza, l'incolumità e la salute di terzi in ottemperanza alle disposizioni in materia di prevenzione degli infortuni emesse nell'ottobre 2007 dallo stato italiano (analogamente ad altri stati membri della comunità europea), poi recepite in un decreto legge del 2008. Tali disposizioni prevedono infatti l'obbligatorietà dell'effettuazione di controlli per dimostrare l'assenza di tossicodipendenza su lavoratori prevalentemente impiegati nel comparto delle costruzioni edili, nei trasporti (inclusi anche gli addetti alla movimentazione delle merci) e in attività pericolose quali la manipolazione dei gas tossici. Il provvedimento dispone dunque l'inserimento nelle verifiche relative all'idoneità fisica e psico-attitudinale ai quali tali operatori si devono sottoporre, di accertamenti per l'uso, anche sporadico, di sostanze stupefacenti e/o psicotrope. Come dicevamo lo scorso anno sono stati 858 i controllati e 11 i soggetti "pizzicati" positivi pari all' 1,3% del totale, una percentuale in linea con i dati rilevati anche nel 2011 e nel 2010 e inferiore a quella riferita al 2009 quando era stato accertato l'uso di droghe da parte del 2,6% degli 812 lavoratori sottoposti ai test.

Di seguito lo specchietto riassuntivo dell'ultimo quadriennio:

A.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco