Scritto Giovedì 27 maggio 2010 alle 00:15

Condannati 3 egiziani per il
sequestro di un connazionale

Prima lo avevano accolto nella loro casa di Casletto di Rogeno concordando un semplice affitto. Poi quando il connazionale aveva trovato un lavoro stabile avevano alzato il prezzo e al diniego dell`uomo lo avevano persino sequestrato, picchiato e derubato. Oggi però i tre nordafricani sono stati condotti dai carabinieri davanti al Giudice dell`Udienza Preliminare Massimo Mercaldo che li ha condannati a 10 anni complessivi di carcere. Ali Amr El Fadij ha patteggiato 4 anni di reclusione mentre i due fratelli Basiouny hanno scelto il rito abbreviato e sono stati condannati a tre anni ciascuno. Tutti dovranno anche risarcire la vittima, costituitasi parte civile con l`avvocato Stefano Savarino del foro di Lecco. I fatti sono risalenti al 2007, quando l`egiziano era arrivato in Italia e aveva chiesto alloggio ai tre connazionali. Per costringerlo a pagare di più del pattuito i tre egiziani il 28 luglio 2009 l'avevano letteralmente catturato attirandolo in una trappola a Calolziocorte. Poi, legato e imbavagliato lo avevano portato nella pizzeria di Olgiate Comasco gestita dai due fratelli e lì lo avevano picchiato e derubato di 1000 euro. Il poveretto si era rivolto ai carabinieri di Calolziocorte che avevano subito avviato indagini sul conto dei tre. Acquisiti gli elementi per reggere l`accusa di rapina pluriaggravata e sequestro di persona i militari avevano proceduto all`arresto. E oggi è giunta la pesante condanna.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco