Scritto Luned́ 30 agosto 2010 alle 19:07

Pecunia non olet (soprattutto per B.)

Di fronte alla pusillanimità di chi ci governa c'è da restare senza parole. In questo povero Paese si impedisce ai credenti di fede islamica di avere dei luoghi di culto e su questa questione si prendono migliaia di voti, poi si concede a un dittatore di convocare centinaia di ragazze e di lanciare su tutte le reti televisive l'invito alla conversione all'Islam di tutta l'Europa. I partiti che quotidianamente cavalcano la paura del diverso e se la prendono con poche decine di persone che si trovano a pregare in luoghi inadatti ora tacciono, stanno zitti e lasciano fare lo show al dittatore. Evidentemente gli affari di Ghedddafi con il capo del governo italiano e i campi di concentramento che la Libia gestisce per noi valgono molto di più della dignità di questo Paese. Che pena!
O.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco