Scritto Mercoledý 05 gennaio 2022 alle 09:19

Utenti delle poste

Effettivamente, quelle rare volte che vado in posta, rimango sorpreso dalle richieste che sento fare da alcuni utenti. L'ultima volta che ci sono stato, c'era un tipo che chiedeva di sbloccare il pin della sua carta postepay (che lui stesso aveva bloccato), ma questa cosa si fa da casa collegandosi al sito dedicato oppure chiamando il numero verde. L'impiegata delle poste non ha fatto altro che dire a questa persona di tornare a casa e fare tale procedura online (questa persona si era anche alterata, e non vi dico le parole che ha usato contro l'impiegata).
Ad un altro sportello c'era una persona che chiedeva delucidazioni su un'offerta telefonica, ma anche queste informazioni si trovano online.
Per non parlare di quelli che ci vanno solamente per chiedere il saldo del libretto.
Inoltre in tanti uffici postali la privacy non esiste, si sente tutto.
E poi ci sono loro, come ha detto il vostro lettore (con tutto il rispetto per gli anziani), quelli che corrono a pagare la TARI in posta perché non sanno compilare un F24 (però sono dei fenomeni ad usare instagram e facebook).
Il tutto senza seguire un protocollo, senza prendere appuntamento, senza mostrare il greenpass perché alle Poste non è richiesto.
Sicuramente ci sono altri mille motivi per andare in Posta, però bisognerebbe avere un pò di rispetto per la salute di chi ci lavora.
Cos'altro dire... Povere Poste!
Private nel trattamento, pubbliche quando conviene.

 

Un utente delle poste
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco