Scritto Sabato 27 marzo 2021 alle 16:42

Tamponi e falsi negativi

Il lettore che si è firmato con E. ha colto pienamente la falla costituita dai falsi negativi nei tamponi molecolari. La procedura del tampone è purtroppo operatore dipendente nella fase di prelievo di materiale dall'oro e rinofaringe ( bocca e naso) e può essere gravato anche da una percentuale vicina al 25 % di falsi negativi del totale dei tamponi effettuati. In caso di bassa carica virale. che non significa affatto malattia meno grave o meno trasmissibile, i tamponi. se non correttamente eseguiti con "cattiveria", possono risultare falsamente negativi. Questo è alla base dei clusters epidemici verificatesi all'interno degli ospedali: quando a fronte di un tampone eseguito in PS risultato negativo il paziente viene considerato non-covid e ricoverato in un reparto pulito per poi risultare positivo ad un successivo tampone anche solo 24 ore dopo.
Conclusioni:dopo essere risultati positivi non vi deve essere ossessivamente la corsa ad eseguire altri tamponi ravvicinati prima di 2 o 3 settimane e la negatività di un tampone eseguito poco dopo uno positivo deve essere sospetta.
Un operatore sanitario
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco