Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 302.863.959
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 19/06/2019

Merate: 29 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 21 µg/mc
Lecco: v. Sora: 21 µg/mc
Valmadrera: 20 µg/mc
Scritto Domenica 31 marzo 2019 alle 11:49

Lomagna: a ''Corte Busca'' mostrate le attività di stimolazione cognitiva per gli anziani

Si è tenuto ieri mattina il secondo dei due incontri organizzati insieme al Comune di Lomagna al Centro polifunzionale per anziani “Corte Busca” e finalizzati a sensibilizzare sul tema dell’anzianità, delle demenze e dell’Alzheimer.
“Vogliamo ricreare un’esperienza di stimolazione cognitiva per mostrare a cittadini e famigliari un esempio di attività che svolgiamo qui” ha esordito Maurizio Volpi, responsabile della struttura. Il laboratorio è stato condotto dall’educatrice Emanuela Farinelli, che nella sua presentazione ha sottolineato l’importanza di tenere il cervello in allenamento: “Quando ci si avvicina a una certa età dolori, acciacchi e malattie sono curati con le medicine; la stessa attenzione andrebbe dedicata al nostro cervello per evitare che si impigrisca”.



Le varie attività svolte sono diversificate in base alla funzione che si vuole sollecitare. Come primo esercizio il gruppo ha dovuto rispondere sì o no in base a delle affermazioni inerenti all’orientamento spazio-temporale del singolo (per arrivare a individuare la data corrente, la collocazione spaziale e rafforzare quindi la memoria a breve termine). Per riabilitare la funzione del linguaggio invece, sono stati proposti dei “giochi linguistici” del tutto simili a quelli che si trovano negli eserciziari dei libri di testo di lingue straniere: trova l’intruso, sinonimi e contrari ecc.


In piedi l'educatrice Emanuela Farinelli

Farinelli ha poi rimarcato l’importanza di mostrare attenzione per l’individuo che può trovarsi svantaggiato rispetto alle dinamiche di un gruppo che ha tempi di risposta mediamente più abbreviati: chiamare a rispondere una persona per volta è utile per coinvolgerla nuovamente, permettere che dica la propria e si senta quindi gratificata. È seguito infine un esercizio di coordinazione psicomotoria che consisteva nel rispondere battendo le mani o i piedi a seconda che venisse detta una parola o un numero. “Apparentemente queste attività sembrano dei giochi, ma non sono infantili. Come educatori stiamo sempre attenti a non considerare gli anziani come dei bambini. Teniamo a dirlo perché ciò è indice di professionalità e attenzione” ha precisato Farinelli.


Maurizio Volpi, Emma Mantovani, Pierangelo Besana

Il secondo momento ha avuto come protagonista il collezionista Pierangelo Besana: anche gli oggetti, infatti, possono costituire un ponte per conservare e rinfrescare i ricordi, quindi la mente. “A me interessava conoscere un po’ di tutto. Non ho mai guardato al valore, ho sempre cercato qualcosa che non potesse avere nessun altro”. Dopo questa premessa, Besana ha esposto e illustrato alcuni tra i suoi cimeli: dai francobolli alle banconote passando per fotografie rare e autografi di personaggi illustri.


L’appuntamento si è concluso con i ringraziamenti del vice sindaco e assessore con delega dei servizi sociali Emma Mantovani la quale, scaduto il mandato, ha manifestato l’intenzione di impegnarsi come volontaria presso la struttura.
D.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco