Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 294.011.886
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/03/2019

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 9 µg/mc
Lecco: v. Sora: 7 µg/mc
Valmadrera: 6 µg/mc
Scritto Lunedì 25 febbraio 2019 alle 08:44

Questione sarda, senatore Faggi: le prime misure dopo l'impegno con il ''Decalogo''

Antonella Faggi
L'ultima riunione del 21 febbraio a Roma, presso il ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo ha avuto l'obiettivo di avviare il tavolo della filiera ovi-caprina e di continuare la discussione relativamente alla vertenza agro-pastorale, già avviata nel corso dei precedenti incontri svoltesi presso il Ministero dell’Interno e presso la Prefettura di Cagliari.
Una situazione difficile e tesa che ha visto migliaia di pastori sardi scendere in strada e protestare per il prezzo del latte e per le loro condizioni arrivate a un punto tale da portarli all'esasperazione. A fronte di ciò l'impegno del Governo, in particolare del senatore in quota lega Gian Marco Centinaio, è stato senza sosta e ha portato già qualche risultato. Abbiamo chiesto alla nostra senatrice dottoressa Antonella Faggi che da Roma ha una postazione di riguardo attraverso la quale analizzare i fatti, prestando sempre attenzione al territorio lecchese e alle sue esigenze, come si è sviluppato il lavoro di queste settimane in merito all'emergenza Sardegna.

Dottoressa Faggi quali misure sono già state realizzate dopo l'impegno assunto a Cagliari, il cosiddetto "Decalogo"?
"Anzitutto al prefetto di Sassari, dott Giuseppe Marini, sono stati affidati i compiti di analisi, sorveglianza e monitoraggio delle attività della filiera ed è stata posticipata al 31 luglio la scadenza dell'atto programmatorio relativo al pecorino romano. Alla riunione si è garantita la pressenza di due tecnici ICE che hanno illustrato le attività promozionali dell'istituto con le iniziative specifiche che saranno portate avanti".

Il presidente del consiglio Conte ha autorizzato un decreto legge per affrontare con una certa urgenza le emergenze agricole. Di cosa si tratta?
"Sostanzialmente nel decreto saranno disciplinate due tra le tematiche comprese nel decalogo. Il contributo dello Stato agli interessi sui mutui e la definizione di misure di monitoraggio per assicurare il rispetto delle quote e previsione di un registro telematico del latte ovi-caprino".

Saranno avviate della campagne straordinarie a sostegno dell'economia sarda?
"La grande distribuzione ha confermato l'impegno ad avviare una campagna straordinaria di sostegno per il pecorino sardo già a decorrere dal 23 febbraio, dicendosi anche disponibile ad un incontro ad hoc sul tema".

A fronte dell'adozione della delibera n. 8/78 del 19 febbraio 2019 circa gli strumenti finanziari per il consolidamento della filiera ovi-caprina e della disponibilità della regione a stanziare un milione di euro per sostenere i progetti di internalizzazione, il ministro Gian Marco Centinaio ha aggiunto un ulteriore tassello a conferma della vicinanza del Governo tutto alla problematica, nell'ottica di una soluzione concreta del problema.
"Sì esatto, il ministro ha proposto la costituzione di un tavolo tecnico da convocare in Sardegna, da parte del Prefetto dott. Giuseppe Marani, per la definizione di una metodologia relativa ai prezzi finali dei prodotti, correlando comunque il prezzo del latte alle dinamiche del mercato del formaggio (DOP Sarde). A questo tavolo parteciperanno ue rappresentanti delle istituzioni (uno del Ministero/uno della Regione) due rappresentanti della cooperazione, due rappresentati delle associazioni dei pastori, due rappresentanti delle associazioni agricole e due rappresentanti degli industriali del settore".

Nel frattempo i pastori hanno confermato l'esigenza di azzerare gli organismi dei consorzi di tutela, garantendo una rappresentanza effettiva in tali enti.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco