Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 294.239.411
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/03/2019

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 9 µg/mc
Lecco: v. Sora: 7 µg/mc
Valmadrera: 6 µg/mc
Scritto Martedì 08 gennaio 2019 alle 18:27

Merate: ancora rifiuti conferiti in maniera non corretta. Il M5Stelle torna all'attacco

Il tema dei rifiuti continua a "ingombrare" le cronache e il nuovo calendario di raccolta, avviato il 1° gennaio, non sembra ancora avere attecchito con tutti. Tra coloro che stanno tenendo monitorata la situazione ci sono gli esponenti del movimento Cinque Stelle di Merate che questa mattina hanno "passeggiato" per il centro, in giorno di mercato, per capire se "l'emergenza" dei primi giorni è rientrata.


La risposta non sembra essere completamente positiva. In diverse zone sacchi di rifiuti e scatoloni sono stati ammucchiati, ritenendo ancora valido il calendario del 2018 che prevedeva il ritiro nel giorno di martedì, invece escluso dal 1 gennaio 2019. Il problema più importante, tuttavia, pare quello dei negozianti della medesima zona che per il sacco viola multileggero dovranno attrezzarsi per l'esposizione il lunedì mattina entro le 9. Peccato che si tratti della mezza giornata i cui moltissimi esercenti sono chiusi e si trovano quindi costretti a venire appositamente al negozio per poter esporre la merce.

A un invito a una maggiore attenzione e a un maggiore ascolto del contribuente da parte dell'amministrazione, i pentastellati hanno anche ribadito l'amarezza (Clicca qui per il comunicato) per l'occasione mancata di acquisto di fototrappole finalizzate a individuare gli incivili che abbandonano i rifiuti per strada, riuscendo così a sanzionarli. Strumenti per i quali, la regione stanziava un contributo economico.


Non ci resta che piangere…

Se la scorsa settimana abbiamo raccontato di come, in tema di raccolta rifiuti, l’Amministrazione Comunale anche quest’anno abbia peccato di incompetenza,  alla luce della situazione di oggi lo possiamo sottoscrivere col pennarello indelebile.

In mattinata ci siamo fatti un giro per il mercato certi di cosa avremmo trovato.
Questa è la seconda settimana che il nuovo calendario è entrato in vigore. Eppure i meratesi continuano a sbagliare. E’ bastato passeggiare per le vie del centro di Merate alla conclusione del mercato per accorgersene. Convinti che il mercoledì mattina nella zona A ci sia il ritiro del sacco trasparente (come da vecchio calendario), i nostri concittadini hanno depositato i sacchi in strada. Quelli più maldestri purtroppo vi hanno scaricato la qualunque; sacchi viola, vetro, carta e cartone come si evince dalla nostra foto. I sacchi contengono rifiuti domestici a prova che non sono solo gli avanzi degli ambulanti. Inoltre abbiamo notato la comparsa di sacchi che riportano le indicazioni di provenienza da altri comuni. Come a  dire che a Merate sia la discarica del territorio.

Per risolvere il primo problema sarebbe bastato da parte dell’Amministrazione  insistere nel divulgare informazioni capillari soprattutto dopo che nei giorni scorsi la  cittadinanza si è lamentata di aver avuto scarse informazioni. I sacchi depositati nei giorni sbagliati, ancora una volta ci raccontano che non è bastato pubblicare sul sito del Comune il nuovo calendario. Lo sforzo doveva essere più incisivo. Siamo certi che la Comunità meratese avrebbe risposto positivamente e gli errori sarebbero stati pochi e velocemente correggibili.
Per risolvere il secondo problema, quello della maleducazione, noi una proposta l’avevamo fatta a suo tempo; con un costo bassissimo si potevano acquistare delle foto-trappole e posizionarle nelle ben conosciute zone prese di mira dai soliti ignoti che sarebbero diventati noti multati. Ma l’Amministrazione ha deciso diversamente e la situazione vista in via Don Angelo Perego racconta da sola dell’occasione mancata. (Clicca qui per il testo della proposta)

Siccome dal 2019, secondo la recente disposizione comunale che ha accolto la nostra proposta di rifiuti zero al mercato cittadino, gli ambulanti non potranno più lasciare i loro rifiuti di fine attività in strada e di conseguenza non verrà effettuata nessuna raccolta, per quanti giorni le decine di sacchi resteranno a fare bella mostra in strada?
Soltanto venerdì mattina passeranno gli addetti alla raccolta per i sacchi trasparenti e lunedì mattina quelli del sacco viola. Fino ad allora il centro di Merate sarà una discarica a cielo aperto. Noi ci auguriamo di no per la salute della popolazione e il decoro della città ma l’eventuale operazione di raccolta straordinaria quanto costerà alle casse dei meratesi?

Potremmo fermarci qua ma non possiamo farlo. Perché abbiamo raccolto anche il disagio dei commercianti. Sempre questa mattina abbiamo visto scaricare montagne di scatole e cassette da parte di esercenti. Le nostre foto di Piazza degli Eroi e di via Trento sono emblematiche e parlano da sole. Ci siamo chiesti se fossero stati informati delle modifiche! A guardare la quantità di materiale che hanno depositato sembrerebbe di no.
E’ così che questa mattina abbiamo voluto sentire direttamente la voce dei commercianti che ci hanno espresso il loro totale disappunto. Ne è emerso che informazione è stata scarsa e poco efficace. Inoltre i più informati hanno lamentato che la domenica sera, giorno di chiusura, con grande seccatura devono tornare al proprio negozio per esporre i sacchi viola per il ritiro del lunedì mattina. Con l’aggravio che non tutti abitano a Merate. Non vorremmo che il contenuto del sacco viola si riverserà in quello trasparente.
Sarebbe stato più opportuno sentire banalmente il loro parere preventivo, evitandogli complicazioni inutili. Segno questo di una disattenzione alla comunità che non ci saremmo mai permessi.

Come Gruppo Merate 5 Stelle siamo davvero dispiaciuti che Merate non si meriti di più e ci stupiamo che anche le opposizioni non prendano una seria posizione su questo argomento che sta mettendo a disagio ed in imbarazzo la Comunità.

Elena Calogero – Merate 5 Stelle

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco