Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 285.284.921
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 26/11/2018

Merate: 33 µg/mc
Lecco: v. Amendola: ND µg/mc
Lecco: v. Sora: 15 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Mercoledì 05 dicembre 2018 alle 21:31

Merate: la scuola risponde al consigliere M5S sui bicchieri di plastica

"Il consigliere regionale cinquestelle Marco Fumagalli probabilmente non è mai venuto in questa scuola e nemmeno mi ha mai contattato per chiedermi chiarimenti e farsi illustrare i progetti che portiamo avanti in campo ecologico e ambientale. E questa mozione è del tutto fuori luogo per la nostra scuola". Il dirigente scolastico del comprensivo Dario Crippa ha atteso 24 ore, il tempo di documentarsi e raccogliere tutti gli elementi utili a rispondere alla accuse, e poi ha ribattuto a muso duro all'iniziativa del pentastellato di scrivere ufficialmente all'assessore Raffaele Cattaneo per portare a conoscenza del progetto intrapreso dalla scuola di Merate per realizzare, si legge nel testo, "un albero di natale da addobbare con delle palle, ciascuna composta interamente di bicchieri di plastica. L'insegnante, in particolare, ha richiesto a ciascun alunno delle tre classi di terza media (in totale circa 70 alunni) di acquistare e portare a scuola, duecento bicchieri di plastica bianchi e rossi, per un totale di circa 14mila bicchieri di plastica".

Un'iniziativa, ha scritto nel suo sito il consigliere Fumagalli, "che lascia sconcertati e rappresenta un chiaro sintomo di insensibilità per il tema ambientale ed ecologista".
Affermazioni che la scuola ha respinto, con sdegno e anche amarezza visto quanto nel corso dell'anno viene proposto ai ragazzi in tema di ambiente, e alle quali ha voluto replicare ufficialmente. "Manifesto la massima stima e vicinanza al professore per la sua professionalità perchè, forse il consigliere regionale non sa, nel corso degli anni si è distinto per una serie di iniziative in materia ambientale che sono state di esempio per tutti" ha tenuto a sottolineare il preside "come istituto ogni anno proponiamo la giornata ecologica, puliamo alcune aree della città, sensibilizziamo i ragazzi all'utilizzo del cestino e alla raccolta differenziata, facciamo incontri con Silea e spieghiamo ai ragazzi l'uso della plastica e del riciclo. Quindi questo attacco del consigliere è totalmente gratuito".
A dire anche la sua anche il professore in questione che, con non poca veemenza, ha spiegato l'origine del progetto e cioè quella di studiare i solidi e quindi dare una dimostrazione "plastica" (anche in senso letterale) del volume di una sfera, costruita appunto con i bicchieri. "Che poi sia stata data una valenza natalizia" ha precisato "è un altro discorso ma il progetto non era nato per addobbare l'albero di Natale. Si tratta di materiale economico, 200 bicchieri per un costo di pochi euro". "Le emergenze nella scuola" ha concluso il preside "sono di altro livello. Ci sono meno fondi per i disabili, meno risorse per i laboratori...sinceramente un attacco così sui bicchieri di plastica....".
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco