Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 299.801.860
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/05/2019

Merate: 20 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 23 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 15 µg/mc
Scritto Martedì 13 novembre 2018 alle 16:31

Considerazione su flat tax e evasione

In questi giorni i media locali hanno ripreso la notizia di un sequestro di 16 milioni di euro per evasione fiscale sull' asse Lecco-Bergamo; numerosi beni di lusso sono stati sottratti ai professionisti dell' evasione: auto, orologi, immobili, quadri d' autore, per compensare i debiti tributari e contributivi. Tutto nel silenzio assordante e complice della politica, soprattutto di certa politica, impegnata a mostrare i muscoli con i piu' deboli e rimanere supina di fronte a questa “imprenditoria” sciacalla. Si stima che nel 2018 in Italia siano stati evasi 108 miliardi di euro, dati che mettono l'Italia in vetta ai paesi “piu' furbi” a livello Europeo. Complice la politica permissiva dei Governi che si sono susseguiti nel nostro Paese negli ultimi anni e che a colpi di condoni e scudi fiscali hanno fatto e fanno pagare una piccola marchetta a chi evade. Il governo Lega-5 Stelle nei fatti sta seguendo questa linea aggiungendo un elemento rivoluzionario a livello fiscale, la flat tax, che diventerà dual tax per rispettare i vincoli costituzionali di progressività nella tassazione e che accentuerà ancora una volta, ancora di più, il divario tra chi guadagna di più e chi meno. Basta pensare che oggi chi ha un reddito di 70.000 euro paga il 41%; con la flat tax si arriverebbe al 23%.Questo potrebbe sembrare positivo anche per le fasce dove si ha un reddito più basso, ma nei Paesi nei quali si è applicata la flat tax, tutti paesi dell' Est Europa e dove c' è una forte disuguaglianza, c'è stato un minor gettito da parte dello Stato con conseguente taglio del welfare. La flat tax avvantaggia solo i più ricchi che potrebbero comunque accedere a servizi “privati” e penalizza le fasce più deboli in un Paese, il nostro, dove gli investimenti nel pubblico sono sempre meno. Da anni come Rifondazione Comunista condanniamo le politiche di salvaguardia per gli evasori e crediamo che invece della flat tax sia necessario introdurre una patrimoniale per andare a trovare i soldi dove ci sono: chi piu' ha più paghi.
Torri Andrea, Segretario Partito della Rifondazione Comunista Lecco.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco