Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 277.056.737
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 12/08/2018

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 15 µg/mc
Lecco: v. Sora: ND µg/mc
Valmadrera: 18 µg/mc
Scritto Martedì 13 marzo 2018 alle 15:09

Robbiate e Paderno: Edison si oppone all’ingresso nel 'BIM'

''Edison SPA'' si è opposta all'ingresso dei Comuni di Robbiate e Paderno nel Consorzio del Bacino Imbrifero Montano del Lago di Como, del Brembo e Serio, facendo ricorso al Tribunale Superiore delle acque pubbliche di Roma. Le due Amministrazioni comunali hanno perciò deciso di rispondere, nominando dei difensori. Risalgono allo scorso ottobre le deliberazioni con cui i due Comuni ufficializzarono l'ingresso nel Consorzio. Il procedimento di adesione partì in realtà nel 2014, quando Paderno e Robbiate si resero conto che per legge dovevano rientrare in questo BIM in quanto Comuni affacciati su un fiume. Le ragioni per le quali ''Edison SPA'', che controlla le centrali idroelettriche poste sul naviglio leonardesco, non sono del tutto chiare. ''Probabilmente ha voluto fare ricorso perché deve avere già diverse situazioni pendenti in opposizione a diversi BIM - ha commentato il primo cittadino di Robbiate, Daniele Villa - C'è una legge che obbliga i gestori delle centrali a pagare un contributo per ogni struttura che controlla anche nei confronti di questi consorzi. Evidentemente Edison non vuole lasciare nulla di intentato, opponendosi anche al nostro ingresso in un BIM''.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco