Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 271.213.415
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/07/2018

Merate: ND µg/mc
Lecco: v. Amendola: 14 µg/mc
Lecco: v. Sora: 16 µg/mc
Valmadrera: 15 µg/mc
Scritto Venerdì 12 gennaio 2018 alle 17:48

Verderio: rumore e smog in case e negozi per le attese al semaforo di Via Principale

Una situazione che, per residenti e commercianti, si sta facendo di giorno in giorno sempre più...soffocante. L'entrata in funzione dell'impianto semaforico su Via Principale a Verderio, al quadrivio di fronte al municipio, se da una parte aveva l'obiettivo di mettere in sicurezza l'attraversamento dei pedoni e la svolta verso inferiore, dall'altra ha congestionato il traffico, riversando rumore e gas di scarico direttamente alle finestre e agli accessi che si affacciano sulla strada.


Se prima, infatti, la circolazione era scorrevole, a parte le fermate per consentire le svolte o gli attraversamenti, ora il segnale "rosso" costringe i veicoli ad arrestarsi, per almeno 15/20 secondi, con le conseguenze che ben si possono immaginare e più ancora "testare" stando sul marciapiede. Camion di grosse dimensioni e con rimorchio, furgonati, moto si arrestano di fronte agli edifici che si affacciano sulla via, rispettivamente a nord (per chi viene da Cornate) e sul lato sud per chi sale dal platano. Per chi ci vive, di notte e di giorno, significa abituarsi agli scarichi che si riversano a intervalli regolari all'interno di case e negozi e reggere il rumore dei motori, degli scooter che sgasano, delle radio "a palla" sotto le finestre in attesa del verde.

VIDEO




Per chi passeggia non la situazione non migliora. Le due chiacchiere dopo la spesa e dopo il caffè al bar devono essere rimandate per impedire che i polmoni si riempiano di catrame ma soprattutto perchè il motore dei mezzi fermi, copre le parole. A questo si aggiunga che, non trattandosi di un semaforo intelligente (che fa scattare il verde/rosso in base al traffico in arrivo individuato da sensori) ci sono momenti in cui le attese risultano inutili per pochi veicoli oppure altri in cui le code che si formano faticano a smaltirsi poiché, nonostante il divieto, in tanti svoltano a sinistra verso inferiore, creando così rallentamenti e ingorghi.
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco