Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 253.667.706
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 20/01/2018

Merate: 47 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 22 µg/mc
Lecco: v. Sora: 21 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Scritto Domenica 29 ottobre 2017 alle 20:16

Santa Maria: gli ululati delle sirene dei mezzi di soccorso ''raccontano'' la simulazione di un attentato terroristico


Si saranno spaventati gli abitanti di Santa Maria Hoè nel sentire risuonare nel corso del pomeriggio di domenica le sirene spiegate del primo soccorso. Via delle industrie si è trasformata nel set di un attentato terroristico. 180 in tutto sono stati i volontari coinvolti nell'esercitazione tra Croce Rossa, Croce Bianca, Croce Verde, Protezione civile, Vigili del Fuoco, Polizia Locale, l'Associazione Nazionale Carabinieri e l'Areu.

VIDEO


Un'imponente operazione che quest'anno ha visto per la prima volta in assoluto tra i protagonisti anche il Nucleo Cinofilo da soccorso ANA "Grigna" di Lecco. Uno scenario purtroppo al passo coi tempi, a cui si auspica però di non dover mai assistere.
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):
L'atto di terrore in particolare ha generato tre incidenti. Il principale è stato causato dallo scontro tra un camion e un'auto che è andata a finire lungo la sponda del fiume. Poco distante un'altra vettura è stata colpita dai tralicci per la corrente elettrica. Il violento impatto ha generato l'incendio dell'automobile.


L'ultimo incidente riguardava un ulteriore scontro di un veicolo contro un muro e un ammasso di macerie. Lo scenario è stato reso verosimile anche dalle comparse che sono state truccate con segni visibili sul corpo di escoriazioni e ferite. Subito dopo la chiamata al 112, la sala operativa emergenza urgenza ha inviato le unità di soccorso sul posto. Data l'imponenza della situazione la Croce Rossa ha allestito la tenda del posto medico avanzato, che serve per gestire il primo soccorso con l'ausilio di infermieri e medici.


Queste simulazioni hanno un doppio scopo. Da una parte quello di testare la capacità di coordinamento dei reparti che affrontano una situazione complessa di emergenza; dall'altra quello di mostrare alla popolazione la condizione in cui all'improvviso ci si potrebbe trovare coinvolti. «È stato osservato - ha dichiarato un volontario della Croce Rossa - che in questi casi il 15 per cento delle persone riesce a restare lucido, un altro 15 per cento perde il controllo, mentre la restante parte è sotto shock e solo apparentemente è calma». Per il pubblico è stata perciò un'occasione per comprendere come è opportuno comportarsi.


Al termine della dimostrazione, sono stati consegnati nella piazza di Santa Maria Hoè gli attestati di partecipazione ed è stato offerto un rinfresco.
Marco Pessina
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco