Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 221.481.797
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 11/03/2017

Merate: 24 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 16 µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Martedì 22 novembre 2016 alle 19:56

Merate: gli studenti del Viganò di ritorno dopo il viaggio nel cuore dell'Europa. ''Saper cogliere le opportunità e le risorse''


Hanno scoperto un'Europa che forse nemmeno credevano "esistesse" sul serio, l'hanno toccata con mano nel cuore delle sue istituzioni e si sono addentrati nei meccanismi della macchina burocratica, legislativa, economica pur nei pochi giorni a disposizione. Tanto però sono bastati per entusiasmarli, arricchirli, incuriosirli e, perchè no, invogliarli a gettare uno sguardo anche al futuro che potrebbe averli da protagonisti.

I 43 studenti dell'istituto Viganò, di ritorno da Bruxelles e Francoforte, hanno tanto da raccontare ma a loro, in una carrellata di tweet, abbiamo chiesto di dirci cosa è stato questo soggiorno oltralpe, nel cuore di una macchina dove lavorano migliaia e migliaia di persone ma ci sono possibilità di stage, opportunità di studio e ricerca nonché di lavoro per chi ha voglia di mettersi in gioco, impegnarsi e dare prova delle sue abilità. Dove, nonostante la grandezza e la vastità delle istituzioni, non si è numeri ma persone in grado di portare un proprio know out che è unico.


"Ci siamo sentiti davvero cittadini europei" ha commentato la prof.ssa Lucilla Barassi che con i colleghi Carlo Sodano e Marco Giudici ha accompagnato i ragazzi in questo viaggio, il primo nella storia dell'istituto meratese "grazie all'organizzazione efficiente e personalizzata, abbiamo avuto modo di partecipare a sessioni interattive, con i ragazzi che hanno potuto fare domande e ricevere adeguate risposte. Al di là dei contenuti sui ruoli delle istituzioni, chi ci ha accompagnato di volta in volta ha puntato molto sull'aspetto che i protagonisti sono proprio gli studenti, i giovani. I nostri ragazzi sono stati esortati a imparare bene le lingue, a informarsi sulle opportunità post diploma e post laurea, sugli stage alla banca centrale. Hanno detto loro chiaramente che chi si impegna, ed è bravo ha delle chances che vanno però colte. E' stata davvero un'esperienza stimolante".

Ed ecco cosa ne hanno pensato i ragazzi del Viganò.

Robby: molto costruttivo perché siamo entrati in contatto con le Istituzioni europee.

Valentina: mi è piaciuta molto Bruxelles ed ho trovato interessanti gli incontri alla Commissione europea ed
alla Banca Centrale.

Angela: l‘incontro al parlamento Europeo ha mostrato una realtà molto vicina a noi ed alle problematiche legate al nostro futuro lavorativo. Mi è piaciuta più Francoforte perché l’ho trovata più moderna.

Mattia e Michel: Francoforte e Bruxelles: due belle città anche se molto diverse tra loro.

Davide: ho trovato molto interessante il museo del Parlamento Europeo (Parlamentarium) di cui ho  apprezzato la simulazione di una partecipazione ad una discussione al Parlamento stesso.

Yuri: un’esperienza unica che prima conoscevamo solo attraverso la TV.

Mattia: esperienza molto bella anche per l’integrazione con l’altra classe.

Leyla: ho compreso quanto le Istituzioni Europee siano vicine a noi.

Davide: lo sapevo, ma senza una buona conoscenza delle lingue si può fare poco.

Omaima: ho compreso che dobbiamo informarci sulle vicende politiche europee e non solo, in quanto più  ne siamo consapevoli più possiamo decidere del nostro futuro.

Gabriel: Molto istruttivo perché abbiamo visitato le Istituzioni di cui abbiamo discusso in classe.

Laura: esperienza molto bella anche perché abbiamo visitato luoghi nuovi.

Carola: Ho trovato il personale delle istituzioni molto disponibile.

Matteo: l’organizzazione è stata in generale molto efficiente

Nicole: Molto interessanti le sedi delle istituzioni e molto curate le città.

Cristina: non abbiamo solo verificato le nostre conoscenze giuridiche, ma anche quelle linguistiche.

Il Prof Soldano: visita molto utile in quanto il contatto con le Istituzioni ti fa sentire cittadino a pieno titolo.
Abbiamo apprezzato anche le bellezze del Belgio e della Germania  in particolare del Reno.
I ragazzi si sono mostrati seri,partecipi, preparati e maturi.

Il Prof Giudici: io insegno religione e non mi era mai capitato di fare un viaggio di più giorni. Ho scoperto una modalità molto piacevole di rapportarmi con gli alunni che si rivelano diversi rispetto al contesto scolastico e poi si riesce a interagire anche con alunni, magari più schivi quando si è in classe.
Le visite poi sono state molto interessanti.

La Prof.ssa Barassi: da tempo volevo organizzare un percorso di avvicinamento alle Istituzioni Europee.
punto di vista organizzativo è stato piuttosto complesso, ma il risultato mi ha dato molta soddisfazione sia sotto il profilo professionale sia come esperienza con gli studenti.
Articoli correlati:
03.11.2016 - Merate: studenti del Viganò in visita alle sedi delle istituzioni europee, da Bruxelles a Francoforte con una crociera sul Reno
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco