Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 299.248.612
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 09/05/2019

Merate: 12 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 9 µg/mc
Lecco: v. Sora: 5 µg/mc
Valmadrera: 6 µg/mc
Scritto Lunedì 26 ottobre 2015 alle 17:46

Lomagna: è mancata Loredana Floriani. Con il marito Virgilio creò la Fondazione per lenire il dolore dei malati terminali

Loredana e Virgilio
Avevano scelto Lomagna come loro residenza per il fine settimana e i periodi estivi. Ora sarà anche il luogo del loro ultimo riposo terreno. Mercoledì, infatti, nel cimitero del paese saranno tumulati i resti di Loredana Floriani, vedova di Virgilio, scomparso nel 2001. Due coniugi che avevano fatto della filantropia e della cura al malato terminale la loro ragione di vita, profondendo impegno, risorse e tanta passione nella Fondazione che porta il loro nome.

La Fondazione Floriani, infatti, era nata nel 1977 senza fini di lucro, ente apolitico e aconfessionale, con l'obiettivo di "diffondere e applicare, nell'assistenza al malato inguaribile, le Cure Palliative, quelle cure, cioè, che affrontano tutti gli aspetti della sofferenza del malato: quello fisico, quello psicologico, quello spirituale e quello sociale".

Pionieri in questo campo, a seguito dell'esperienza personale tragica, con la morte del fratello di Virgilio, i coniugi erano stati propulsori di altre realtà simili, tra cui anche la Fabio Sassi, dove le cure a chi non può guarire e la ricerca per lenire il dolore sono le finalità prime.

Scomparso nel 2001 e sepolto a Lomagna, Virgilio (patron della Telettra di Vimercate) è stato raggiunto ora dall'amata moglie Loredana 95 anni. A loro si deve l'idea della Fondazione, la sua costituzione e nascita e l'impegno per far sì che un progetto tanto nobile quanto oneroso riuscisse poi a camminare con le sue gambe proprio come sta avvenendo ora.


Alla fondazione sono andati preziosi riconoscimenti come l'Ambrogino d'oro, la Rosa Camuna e la medaglia d'oro al merito della Sanità pubblica.

S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco