Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 293.827.535
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/03/2019

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 9 µg/mc
Lecco: v. Sora: 7 µg/mc
Valmadrera: 6 µg/mc
Scritto Mercoledì 29 maggio 2013 alle 17:07

Brivio: Panzeri risponde sulle tappe per le gestioni associate

Il sindaco Ugo Panzeri
Il decreto legge numero 95 del 6 luglio 2012 concernente le Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica noto ai più come "spending review"  dispone che i comuni al di sotto dei 5000 abitanti (5.683 in Italia, il 70,2% del totale) dovranno obbligatoriamente gestire, entro la fine dell'anno in corso, in forma associata almeno nove funzioni fondamentali ovvero la ragioneria, trasporti e viabilità, catasto, pianificazione urbanistica e edilizia, protezione civile e coordinamento del primo soccorso, gestione rifiuti e tributi, servizi sociali, edilizia scolastica e istruzione e Polizia locale. Per fare il punto sullo stato di fatto ed avere delucidazioni circa sull'effettivo rispetto delle tempistiche dettate dalla norma, nei giorni scorsi il consigliere comunale rivierasco Federico Airoldi rappresentante del gruppo "Brivio Rinasce", aveva presentato un'interrogazione discussa quindi nell'ultimo consiglio comunale tenutosi nella serata di lunedì. Il primo cittadino Ugo Panzeri prendendo la parola ha così ricordato come al 31 dicembre 2012 risultavano tre, come allora previsto dal decreto legge, le funzioni associate con il confinante comune di Airuno. Queste erano, ordinate dalla più recente alla più "datata" la raccolta e la gestione dei rifiuti, la progettazione e l'erogazione dei servizi sociali e la Polizia Locale (associata anche con il comune di Imbersago). "Presto avremo sul tavolo la convenzione per il catasto" ha annunciato Panzeri spiegando come, in questo caso, si tratti di un'evoluzione del già attivo sportello unico che coinvolgerà tutti i comuni del meratese (ad eccezione dei tre aderenti all'Unione della Valletta), anche quelli con più di 5000 abitanti tanto che l'ente capofila sarà proprio la Città di Merate.
Entro giugno, poi, Brivio firmerà la convenzione per la gestione associata del servizio di protezione civile che sarà quindi trasformato in una vera e propria funzione. Qui l'accordo dovrebbe quindi essere stipulato con le amministrazioni di Imbersago, Calco e Verderio Inferiore cui afferisce il già "collaudato" gruppo intercomunale.
Si torna a guardare invece ad Airuno per quanto riguarda l'edilizia scolastica, la pianificazione urbanistica, l'organizzazione dei servizi pubblici e la ragioneria. Per quanto attiene infatti alla prima, "pur essendo disposti a aprire ad altri comuni" per dirla con l'espressione scelta dal sindaco, l'accordo con Airuno sembrerebbe essere un "passaggio naturale" visto che le due municipalità sono già parte dello stesso Istituto Comprensivo. Trattando tale tema, però Panzeri ha aperto anche una piccola parentesi specificando come si potrebbe intavolare un discorso più ampio anche con Olgiate e Calco nel caso in cui diventasse realtà la proposta di creare Comprensivi con almeno 1.000 studenti, eventualità che non dovrebbe però tramutarsi in una disposizione almeno prima del 2015.
Più articolato, infine, il discorso relativo alle rimanenti tra funzioni definite dal primo cittadino come "elementi portanti di un'amministrazione". "Abbiamo intrapreso il percorso con confronti continui, con incontri quasi tutte le settimane" ha così raccontato confermando come, con la Polizia Locale, il discorso è stato più semplice mentre andando a toccare queste funzioni, si va a imbattersi anche con questioni logistiche oltre ovviamente a modalità operative e regolamenti che "alle volte non si parlano proprio". Quanto dunque alle tempistiche su cui il consigliere Airoldi aveva posto l'accento, Panzeri ha assicurato che "sicuramente entro il 31 dicembre firmeremo le convenzioni. Arrivare poi al protocollo operativo sarà un po' più difficile", essendo appunto necessario del tempo per uniformare le procedure e permettere al personale delle realtà coinvolte di iniziare a lavorare effettivamente nello stesso modo.
Il tutto, ovviamente "sempre che non succeda qualcosa a livello legislativo".
A.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco