Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 302.307.746
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 16/06/2019

Merate: 20 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 6 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Venerdì 27 aprile 2012 alle 00:16

Imbersago: il paese piange ''nonno Beretta'' il pittore Arnaldo scomparso a 101 anni

Era arrivato a Imbersago nel 1995 con la "vecchia" Milano negli occhi e qui aveva ricominciato a vivere grazie alla dirompente natura brianzola, che ha reso gli ultimi anni della sua lunga vita i più felici e sereni. Si è spento all'età di 101 anni, compiuti lo scorso 2 gennaio, il pittore Arnaldo Beretta che insieme alla sua famiglia aveva scelto gli anni della vecchiaia per trovare riposo in paese, conquistando in breve tempo l'affetto di tanti cittadini che hanno potuto apprezzare i suoi dipinti e la sua gentile presenza. Milanese di nascita, "nonno Beretta" come amavano chiamarlo  i bambini ha avuto un passato di disegnatore meccanico, lavoro che ha sempre accompagnato con la sua passione per la pittura. Una volta raggiunta l'età della pensione aveva aperto un piccolo studio lungo il Naviglio di Milano, abbandonato quando tutti i suoi "compagni d'arte" hanno lasciato questo mondo.

Un'immagine di Arnaldo il giorno del suo centesimo compleanno

"All'età di oltre 80 anni mio padre si è ritrovato solo e la città non era più quella di prima"
ha spiegato la figlia Anna Maria, che ha raggiunto il papà a Imbersago insieme alla sorella Elena appena il lavoro glielo ha consentito. "Conoscevamo questo paese grazie ad amici di famiglia che si erano trasferiti qui, è stata una gioia per lui viverci perché aveva accanto tante persone care. Nella casa di Sabbione dove ha abitato fino al 2008 aveva un angolo in cui si dedicava alla pittura, faceva anche 12 Km al giorno a piedi per ammirare i paesaggi che poi trasferiva sulle sue tele. Tanti in paese hanno una sua opera, anche perché era molto generoso e a volte regalava i suoi quadri". Un ricordo speciale di quello che per lei è stato un maestro di pittura e non solo lo ha voluto dare l'artista imbersaghese Carla Colombo nel suo blog, in cui ha scritto "Ciao maestro...mi accompagnerai sempre nella luce dei miei dipinti". In tanti hanno voluto accompagnare il pittore nel suo ultimo viaggio nella mattinata di giovedì 26 aprile. "Il parroco ha ricordato quanto è stato fortunato mio padre, che ha avuto una vita lunga e ha potuto dedicarsi alle sue passioni circondato dall'amore delle sue figlie" ha spiegato Anna Maria. "Per i suoi 100 anni l'anno scorso tutto il paese era in festa, la dimostrazione di affetto che abbiamo avuto da Imbersago ci ha profondamente commosso". I bambini oggi hanno salutato per l'ultima volta il loro Nonno Beretta, che ha trovato la pace eterna nel campo santo di Imbersago accanto a sua moglie.
R.R.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco