Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 339.893.966
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 19/05/2020

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 15 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Giovedì 26 marzo 2020 alle 16:09

Merate: la Nostra mela chiede la stop per il 2020 delle imposte. Negozi chiusi ormai da settimane. E alla ripartenza chi aprirà?

Ornella Comi
Nell’attesa che da Palazzo giunga qualche cenno di vita, ci ha pensato l’associazione meratese dei commercianti – non Confcommercio – La Nostra Mela a avanzare una richiesta agli Amministratori comunali. La lettera, firmata dalla presidente Ornella Comi, è molto sintetica, e del resto che cosa c’è da scrivere più di quanto si possa constatare ogni giorno?

La gran parte delle attività commerciali – scrive la Comi – è stata chiusa ancor prima che fosse emanato il decreto di chiusura obbligatoria. Così ci sono negozi chiusi ormai da oltre due settimane. Si tratta di piccole attività, spesso gestite a livello famigliare o con pochi dipendenti che a saracinesca abbassata non incassano nulla, ma debbono sostenere i costi fissi e, per chi non è proprietario dello stabile, anche l’affitto notoriamente elevato in città.

Il rischio concreto è che quando – e chissà quando – sarà possibile ripartire qualcuno, forse diversi, non riapriranno.

Il soccorso statale e regionale al momento è minimo: 600 euro alle partite iva e ai soci di società di persone, forse agli amministratori di Srl ma ancora il quadro normativo non è chiaro, mentre la Lombardia ha sospeso il versamento dell’Irap.

E il Comune? Come dicevano in altro articolo gli avvocati deputati a varare misure economiche a favore degli esercenti il commercio, Alfredo Casaletto (bilancio) e Giuseppe Procopio (commercio)  non si sentono e, quando si intercettano loro notizie è sui soliti social (ai quali grazie a Dio ha rinunciato persino il presidente Conte); anche se normalmente si tratta di banalità che nulla portano di profittevole al cittadino.

La Nostra Mela chiede una cosa molto semplice: l’esonero delle imposte per l’anno 2020 per tutte le attività commerciali di vicinato.

Ora si tratterà di distinguere tra imposte come l’Imu e tasse a tariffa prestabilita (pareggio di bilancio tra costi e ricavi) come la tassa rifiuti.

Aspettiamo. Qualcosa prima o poi da Palazzo Tettamanti arriverà.

Intanto il comune di Cantù ha rinviato il versamento di Tari. Imu e Tasi a fine giugno e quello di Bologna a fine settembre, in coincidenza con la fine della moratoria su mutui e leasing.
Luisa Biella
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco