Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 305.722.119
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 16/07/2019

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 9 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Martedì 09 luglio 2019 alle 19:24

Merate: le ''4 R'' dell'assessore Robbiani. ''Ridurre, riusare, riciclare e recuperare''

L'assessore Andrea Robbiani
Come nei migliori uffici manageriali ci sono un cavalletto per il planning e una lavagna a muro. Su entrambi appunti, note, "memo", cose da fare e da verificare, frasi ad effetto.

Quasi dirimpettaio del sindaco, l'assessore all'ecologia Andrea Robbiani riflette nel suo incarico protempore di amministratore comunale, l'attitudine al lavoro programmato e in team dove si predispongono obiettivi e tracciati da percorrere.

A spiccare sulla lavagna sono 4 R: ridurre, riusare, riciclare, recuperare.

"Credo molto in queste pratiche" ha raccontato all'indomani della lettera inviata alle associazioni con l'invito a liberarsi in maniera graduale e non traumatica (come potrebbe avvenire a ridosso del termine imposto dall'unione europea del 31 dicembre 2020) della plastica "e si tratta di un mettersi in testa che un cambiamento o lo si subisce o lo si governa. Ed è quello che ho voluto fare con i miei suggerimenti, nei quali ho invitato ciascuno a fare la sua parte e a iniziare già da ora, indirizzandosi su materiali riciclabili dopo avere terminato le scorte a magazzino".
L'amministrazione, da parte sua, non starà a guardare. In tutta la provincia di Lecco le casette dell'acqua sono solo 12, di cui una a Merate. L'accordo stilato con Lario Reti Holding prevede che ne venga installata una seconda partendo a Pagnano (nel parcheggio di fronte alla scuola) e poi, in prospettiva, a Brugarolo. "In questo modo anche chi non abita in centro città potrà usufruire del servizio".
All'interno del municipio, invece, verrà installato un erogatore di acqua naturale e gasata e si sta valutando anche l'introduzione di bottiglie di plastica biologica, già in commercio, sostituendo chiaramente anche i bicchieri.
"Abbiamo 18 mesi di tempo" ha proseguito "inutile arrivare all'ultimo e poi dover correre. Si tratta di pratiche che in altri paesi d'Europa sono già in essere da anni e che vanno incentivate".
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco