Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 305.852.212
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 16/07/2019

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 9 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Lunedì 17 giugno 2019 alle 18:54

Due parole sulla statale 36 e la Sp 72 e la vera storia dell'emendamento

Buongiorno....buongiorno a tutti...
A chi mi legge con onestà intellettuale, magari senza simpatia... ma scevro da malcelate malignità ed a chi trova vano conforto nel gettare cattiva luce sul lavoro altrui.  
 
Mi tocca, ogni tanto, mettere i "puntini sulle i":
Ne farei a meno.. Perché mi lascia sempre il sapore del battibecco.. Che non mi piace.. Ma alle volte la verità merita questo sforzo.
 
Fatta la premessa ..vengo ai fatti.
 
Sono stata orgogliosamente relatrice del provvedimento
"sblocca cantieri", che ha segnato un momento determinante per il nostro paese, non solo perché al centro di un momento di tensione dirimente nell'esecutivo, ma perché passo fondamentale per dare un importante impulso alla crescita oltre che per liberare risorse necessarie alla ricostruzione nelle aree terremotate.  
Essere relatore non significa andare in aula al Senato e leggere un testo: è avere affidata la responsabilità di seguire tutta la preparazione del provvedimento, all'esito di un lavoro di studio tecnico e politico durato più di quattro mesi.
Significa conoscere la materia, approfondirla, non stancarsi di leggere, rileggere.. Correggere.. Quello che ti viene sottoposto.
Significa essere attenti alle esigenze del Paese e cercare di declinarle al meglio.
Significa tenere duro e dire anche un sonoro no a chi ti fa pressioni... a chiunque, anche se magari è  stato pure un politico importante...
 
Le ore ..i giorni passano velocissimi  mentre stai curva su carte e documenti..fino a tarda notte..
Ma non basta comunque ...perché sai già, prima, che non tutto avrà un esito positivo.
Che dovrai nuovamente tornare alla "carica" con un altro provvedimento per tentare di riuscire a risolvere "quell'irrisolto " che ti sta sullo stomaco...
E l'emendamento sulla SS36/ SP72 è uno di quelli.
 
L'intento era di prevedere un commissario, che potesse operare con procedure più snelle, nella risoluzione di problematiche relative ad entrambe le arterie.
La SS36 già in capo ad Anas e la SP72 in capo alla Provincia.
Nell'emendamento si faceva riferimento anche al cosiddetto
"nodo di chiuso" ex SS 639, fermo da anni per un contenzioso, che ha visto molti slogan e nulla di fatto.
Ho lavorato molto con il ministero delle infrastrutture che ha appoggiato pienamente questa situazione.
 
Toccando poi  i "cordoni della borsa " (ministero finanze) qualcosa si è inceppato e purtroppo all'ultimo istante. Proprio perché relatore di tutto il provvedimento e quindi responsabile di tutto lo "sblocca cantieri" non si poteva che procedere.
Pazienza.....passata la dovuta arrabbiatura si deve  ricominciare....

Ma prima di "mollare l'osso" ho avuto la premura politica di sentirmi con l'amico e On. Ugo Parolo, che non solo ha condiviso l'impianto dell'emendamento ma l'ha portato come ordine del giorno.
Non poteva fare di più, purtroppo, perché i tempi per un'ulteriore istruttoria al ministero delle finanze non c'erano.
 
Ma attenzione: l'ordine del giorno è solo un " richiamo di attenzione al Governo" è una direttiva politica senza alcun immediato effetto pratico; è un invito a curarsi del problema (con relativi oneri futuri) ma non la soluzione immediata.
L' emendamento sarebbe diventato legge!!!
Questa è la grande differenza!!
Quindi l'iniziativa alla camera purtroppo non poteva portare a casa nulla...
Chi ha riferito la notizia come risolutiva, peraltro in contrasto al mio preteso flop (?), avrebbe dovuto verificare bene i contenuti giuridici prima di sbilanciarsi.
 
Ciò detto, la sottoscritta, comunque non soddisfatta ha nei giorni successivi verificato la possibilità di altri provvedimenti risolutivi ed efficaci.
Notizia di poche ore fa è che l'emendamento "sonoramente bocciato" è stato inserito nel decreto legge " crescita " in iter alla Camera. Ed andrà in aula martedì prossimo per l'approvazione.
( facciamo comunque gli scongiuri..)

Una buona idea per il mio territorio potrà trovare attuazione per essere un autentico aiuto. Questa sarà la mia vera soddisfazione...
 
Concludendo la pietosa  ricostruzione dei fatti e l'impietosa caricatura della mia persona mi fanno pensare di avere centrato in pieno un  vero problema, esistente da anni ma non certo inquadrato a dovere!
 
Peccato però mi tocchi  essere "nuovamente" il  bersaglio  per soddisfare qualche molle  ventre  cittadino...
 
Parafrasando un vecchio detto chi di penna ferisce ...di penna perisce...
Vedremo ... Il tempo è sempre galantuomo...
E io.. È una vita che porto pazienza ....
 
D'altronde, l'invidia è una ammirazione segreta, scriveva Kierkegaard, aggiungendo però che è un'infelice affermazione di sé.
 
La leggo così e vado avanti a lavorare per il mio Paese ...per la mia Terra.

Sen. Antonella Faggi
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco