Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 305.854.262
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 16/07/2019

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 9 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Mercoledì 12 giugno 2019 alle 18:03

Il delicato habitat della Riserva del lago di Sartirana e chi non lo rispetta

Riguardo alla Riserva "Lago di Sartirana" è stato redatto da IDROGEA nel 2010 un dettagliato piano di gestione, Chi ha la responsabilità della gestione di tale riserva, avrebbe dovuto studiarlo e attuarlo, visto anche il costo di tale studio. A me sembra che ciò non sia avvenuto perchè si sta andando incontro alla distruzione della biodiversità della flora, della fauna e della avifauna in un ambiente che potrebbe, se rispettato, offrire invece realtà naturali meravigliose godibili da tutti.

Le foto allegate, per esempio, dimostrano che nel periodo di nidificazione (maggio-giugno) i giovani picchi, di cui esiste una piccola colonia, se disturbati (per esempio da cani e persone) subiscono forti traumi, fuggono e non trovando vegetazione arbustiva (tra l'altro ultimamente distrutta) in cui ripararsi, si avventurano in zone dove incappano in ostacoli a loro ancora sconosciuti che perciò diventano causa della loro morte. Da tempo si constata infatti la sparizione di molti abitanti del nostro S.I.C.: l'elenco sarebbe lungo....
Se si continua cosi, avremo come spettacolo solo un lago senza vita, un bel panorama e...tanta sporcizia.

Quanto detto, ossia il rispettare la natura, è un invito, oltre a chi di dovere, anche a ogni cittadino: l'oltraggio a tale patrimonio, per le nefaste opere compiute da chi oggi si dimostra poco "homo sapiens", sarà pagato a caro prezzo da chi verrà dopo di noi. Sia chi non vuole fare rispettare le regole della natura "maestra ed esempio di vita", sia chi non le rispetta, a mio parere non merita rispetto.
Paolo Vitali
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco