Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 305.301.200
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 12/07/2019

Merate: 21 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 16 µg/mc
Lecco: v. Sora: 18 µg/mc
Valmadrera: 14 µg/mc
Scritto Venerdì 14 dicembre 2018 alle 21:36

Pellegrini (Calusco): dobbiamo agevolare studenti e lavoratori

Da padrone di casa, ha gestito il vertice concedendo la parola a chi ha chiesto di poter intervenire. Tra questi principalmente i primi cittadini della bergamasca. Ma prima di tutti la parola l'ha presa lui stesso, il sindaco di Calusco Michele Pellegrini, elencando quelli che secondo lui è più importante. Attenzione soprattutto alle agevolazioni per tutti coloro che sono stati messi in seria difficoltà dalla chiusura del Ponte San Michele di Paderno.
''In collaborazione con l'assessore allo sviluppo economico della Regione Lombardia, noi e il Comune di Paderno abbiamo già fatto un piccolo sforzo, venendo incontro agli imprenditori in difficoltà andando a rimborsare la loro Tari dell'ultimo trimestre'' ha spiegato.



Michele Pellegrini, sindaco di Calusco, accanto al ministro Toninelli

''Il fattore economico è uno dei più importanti. Questo nostro sforzo, tuttavia, non è stato sufficiente. Chiediamo quindi che a livello governativo venga fatto di più per venire incontro ai nostri artigiani e commercianti. Due anni così portano a delle conseguenze enormi''. L'attenzione del primo cittadino caluschese si è quindi focalizzata sui tragitti che inevitabilmente sono diventati insostenibili sia per chi utilizza il treno che per gli automobilisti.

VIDEO


''Dobbiamo studiare il modo per venire incontro anche a queste persone'' ha aggiunto. ''Penso ai pendolari ma anche a chi è costretto ad andare a Milano in automobile. Stiamo parlando di una spesa 300/400 euro. Se pensiamo che un lavoratore guadagna mediamente 1300/1400 euro, è evidente che la chiusura del ponte ha avuto un impatto non indifferente anche sulle tasche dei cittadini''.  
Il ministro Toninelli, intervenuto subito dopo, ha spiegato di essere riuscito proprio in questi giorni, ''attraverso un'operazione decisamente faticosa'', ad ottenere da Ferrovie dello Stato l'implementazione dei treni sulle linee ferroviarie lombarde. ''Sono treni un po' vecchiotti, ma era quello che c'era a disposizione'' ha spiegato. ''Uno di questi sarà aggiunto alla linea Milano-Bergamo via Pioltello''.
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco