Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 306.009.358
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 16/07/2019

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 9 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Mercoledì 30 maggio 2018 alle 07:41

GD Lecco: ''La Lega sta passando ogni limite e dimostra il suo volto feroce e antidemocratico''

«La Lega sta passando ogni limite. La decisione dei sindaci leghisti, anche nel lecchese, di togliere le foto del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e addirittura di non partecipare alle manifestazioni per la Festa della Repubblica, è di una gravità inaudita. Si può non condividere la decisione presa da Mattarella di non accettare l'imposizione di Paolo Savona come ministro dell'Economia, ma chi parla di democrazia sotto attacco o non conosce la Costituzione o è in malafede. Salvini, la Lega e i sindaci De Capitani, Polti, Zucchi, Ferrari e Consonni stanno dimostrando il loro vero volto feroce e antidemocratico, con un disprezzo per le istituzioni della Repubblica che riporta a tempi bui. Ci auguriamo che la Prefettura di Lecco intervenga al più presto in questa vicenda assurda e che questi sindaci, dato che disconoscono le istituzioni di cui fanno parte, abbandonino spontaneamente il ruolo che stanno in questo modo offendendo». Così i Giovani Democratici della Provincia di Lecco commentano la decisione dei sindaci leghisti di boicottare le manifestazioni del 2 giugno e di togliere la foto del Presidente della Repubblica dagli uffici comunali.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco