Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.767.802
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 13/08/2020

Merate: 15 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Lunedì 18 dicembre 2017 alle 10:31

Come visitare l'Australia per una vacanza studio

Intraprendere una vacanza studio è da sempre il sogno di ogni ragazzo e spesso farlo è più semplice di quanto si possa immaginare. Esplorare il mondo zaino in spalla e armata da una grande sete di conoscenza mista a voglia di avventura è un'esperienza che si dovrebbe sempre provare nella vita, soprattutto da giovani. E infatti sono sempre di più i giovani uomini e le giovani donne che decidono di prendersi un anno sabbatico dallo studio o dal lavoro per intraprendere viaggi alla scoperta del mondo, anche quello extra-europeo. Se infatti in Europa abbiamo a che fare con culture tutto sommato familiari, più vicine a quella italiana che viviamo ogni giorno, è negli altri continenti che il nostro spirito di adattamento e la nostra sete di libertà viene messa alla prova con esiti stupefacenti. E più di altri continenti, è l'Australia il sogno di molti viaggiatori italiani ed europei. Terra in larga parte ancora inesplorata, ricca di misteri e suggestioni, selvaggia quanto basta ma al tempo stesso tecnologicamente all'avanguardia - soprattutto nelle grandi metropoli come Sydney - l'Australia esercita un fascino quasi magnetico su chiunque la visiti almeno una volta nella vita.


In molti non lo fanno mai (o lo fanno solo per brevissimi periodi) perché spaventati dalla trafila burocratica che ipotizzano come necessaria, dai documenti da presentare per ottenere il visto e dalle regole indubbiamente rigide di un Paese diverso dal nostro per cultura e legislazione. Tuttavia non bisogna spaventarsi, perché sul web sono disponibili tutte le risorse necessarie per viaggiare in Australia nella piena legalità e in totale sicurezza, anche dal punto di vista sanitario. Sul portale www.australia-eta.com/it è possibile trovare non solo tutte le informazioni di cui un viaggiatore può avere bisogno, ma anche ottenere la celebre ETA (sigla che è un acronimo di Electronic Travel Authority), ovvero l'autorizzazione ad entrare nel territorio australiano che è legata in maniera diretta al proprio passaporto. Sul sito www.australia-eta.com/it viene spiegato nei minimi dettagli cosa si intender per ETA, a cosa serve esattamente e soprattutto chi può richiederla e chi no.

L'ETA non è altro che un visto pensato per chi desidera recarsi in Australia per un breve periodo di vacanza studio o per effettuare un viaggio d'affari. Va fatta tuttavia una distinzione: quando si parla di viaggio d'affari, infatti, non si intende parlare di lavoro. Chi si reca in Australia per lavorare o intraprendere un'attività di tipo imprenditoriale o commerciale, infatti, ha bisogno di un'altra tipologia di permesso, ovvero di un cosiddetto Visto per lavoro temporaneo (Temporary Work-Short Stay Activity-Subclass 400), per ottenere il quale ci si deve recare sul portale web ufficiale dello Stato australiano. In tutti gli altri casi, recandosi sul portale www.australia-eta.com/it, è possibile capire come ottenere l'ETA senza essere residente in Australia. Non tutti sanno, infatti, che è sufficiente disporre di un passaporto valido e in re gola, di un indirizzo di posta elettronica e di una carta di credito per richiedere l'ETA direttamente on-line, senza fare lunghe file presso gli uffici preposti e senza inutili perdite di tempo.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco