Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 305.784.565
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 16/07/2019

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 9 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Lunedì 11 dicembre 2017 alle 17:55

Rotta (Paderno) sul ricorso al tar contro il commissariamento del Parco: assessore Terzi è un processo con sanzione preventiva?

Viste le dichiarazione dell'Assessore all'Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile della Regione Lombardia riferite alla presentazione del ricorso al TAR avverso il commissariamento del Parco Adda Nord e all'inizio della campagna elettorale

E si, la campagna elettorale è avviata ma, guarda caso, è iniziata da quando l'Assessore all'Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile della Regione Lombardia ha impostato ed attuato una specifica strategia, indicando ai propri rappresentanti territoriali, l'atteggiamento da tenere, costruendo un percorso tramite scelte e delibere sino a raggiungere il primo obbiettivo: deliberare la decadenza del Presidente, sciogliere il Consiglio di Gestione e commissariare il Parco Adda Nord.
Il passaggio successivo è stato quello di deliberare la proposta di aggregazioni del Parco Adda Nord con il Parco Adda Sud; proposta bocciata all'unanimità, nei giorni scorsi, anche dalla stessa maggioranza che governa la Regione (n.d.r.).
E proprio sul commissariamento, forse superfluo e ridondante ma necessario, occorre rammentare che le indagini ispettive presso il Parco Adda Nord hanno evidenziato carenze tecniche e non politiche e comunque per fatti antecedenti l'operato del rinnovato Consiglio di Gestione. Rinnovato Consiglio con un nuovo Presidente e nuovo Consigliere mentre altri plenipotenziari sono rimasti saldamente ancorati alla propria poltrona. E se la parola democrazia ha ancora valore i nuovi componenti sono stati votati dall'assemblea con valori superiori al 70%.
E comunque, le "sentinelle" (termine coniato per raffigurare un continuo presidio da parte dei delegati partitici dell'Assessore) dov'erano negli anni passati quando si stavano (forse)dilapidando risorse? Vogliamo aggiungerci il membro designato dalla Regione nel Comitato di Gestione che, di fatto, portavano a tre i rappresentanti di centro destra avendo quindi la maggioranza in seno al Consiglio di Gestione, sostenuto comunque lealmente negli anni dalla maggioranza assembleare di centro sinistra.
Spieghi quindi Lei Assessore il perché della dichiarata decadenza del nuovo Presidente del Parco e lo scioglimento del Consiglio di Gestione; cos'è? un processo con sanzione preventiva?
E così la campagna elettorale non solo è da tempo iniziata ma è anche orchestrata attraverso delibere e provvedimenti, utilizzando le lunghe leve del potere regionale.

Articoli correlati:
07.12.2017 - Parco Adda Nord Claudia Terzi: il Pd ricorre al Tar contro la destituzione del presidente? Spieghino ai loro elettori perché
06.12.2017 - La controffensiva del Pd per ‘’riprendersi’’ il Parco Adda: I sindaci chiedono al Tar di annullare il commissariamento
Renzo Rotta - sindaco di Paderno d’Adda
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco