Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 305.783.890
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 16/07/2019

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 9 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Mercoledì 29 marzo 2017 alle 07:35

Antonio Di Pietro: sulla mia attività politica dico che sul miele ronzano api e vespe...

Antonio Di Pietro

Spigliato, spiritoso, "nostrano" diremmo.
Antonio Di Pietro non si è smentito e ha catturato con la sua naturalezza e simpatica schiettezza l'uditorio, infarcendo i racconto di aneddoti e nomi, e partendo dagli inizi. "Mani pulite non è nata per caso (dissociandosi dalla correlazione che invece Gherardo Colombo aveva fatto con la caduta del muro di Berlino nel 1989, ndr), è stata un motorino di avviamento. Non è stata un'inchiesta politica ma è stata preceduta da altre inchieste. La corruzione si fondava su un matrimonio di interesse tra corrotto e corruttore e noi avevano trovato il modo di rompere questo legame".

Antonio Di Pietro con Piero Calabrò; i magistrati lecchesi Nicola Preteroti e Dario Colasanti


Dopo aver sostento che non ci sono più i partiti storici, mentre sono rimasti i personaggi, Di Pietro ha ammesso candidamente di avere deciso di partecipare al ricambio della classe politica, all'età di 42 anni, perchè "qualcosa dovevo pure fare...è andata bene ma poi come tutte le cose quando c'è il miele tutti ci ronzano attorno e assieme alle api arriva anche la vespa che non fa bene".

VIDEO



E, ribadendo l'amarezza di non aver potuto proseguire con l'inchiesta, Di Pietro ha puntato il dito contro la corruzione (che ai tempi di Mani pulite era nella forma di dazione ambientale - se volevi stare nel giro dovevi fare così) quale sistema generalizzato che va scardinato non solo dalla magistratura ma da un cambio di mentalità. Infine semplice quanto evidentemente non sempre condivisa, la soluzione per la prescrizione con lo stop al suo iter nel momento in cui scatta il rinvio a giudizio.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco