• Sei il visitatore n° 494.159.559
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 09 dicembre 2010 alle 15:44

Rovagnate: quale futuro per il progetto del Salumificio beretta?

Quale futuro per il salumificio Beretta?
Il dibattito in corso circa le incertezze per la localizzazione di un nuovo insediamento produttivo a Rovagnate, sembra rimandare ai tempi quando ancora non c'era una programmazione urbanistica; si cerca di esorcizzare la contrapposizione fra attività industriale e salvaguardia ambientale e si invoca una generica difesa dei posti di lavoro in nome dei quali si possa derogare dalle regole. Conosciamo troppo bene come in passato il via libera a nuovi capannoni in ambiti urbanisticamente non adeguati abbia poi aperto la strada al cambiamento di destinazione d'uso una volta venuta meno l'attività produttiva.
Siccome non nutriamo propensione verso una "malintesa cultura ambientalistica" che contrappone tutela dell'ambiente e industria e che mette in contraddizione il rispetto ecologico e lo sviluppo, secondo una lettura che trova qualche esegeta sia a destra che a sinistra non ancora incline alla "green economy", siamo convinti che, come per altri casi, questo della Beretta possa trovare una soluzione di vero equilibrio nell'applicazione dei principi della Pianificazione provinciale secondo lo spirito della nuova legge urbanistica regionale, che prevede compensazioni, perequazioni e riuso di impianti dismessi.
Va sottolineato altresì che nel Piano Territoriale Regionale (P.T.R.) viene riservata grande attenzione e importanza alle reti ecologiche regionali, provinciali e comunali per cui pensare di depotenziare la rete verde fra il programmato Parco locale Monte di Brianza e il Parco regionale Montevecchia e Valle del Curone, come sembra abbia ventilato incautamente l'Assessore provinciale al Territorio, rappresenterebbe una pesante variante strutturale del vigente PTCP, in contrasto con i suoi principi fondativi basati sullo sviluppo e l'accessibilità sostenibile.
Nello stesso tempo farebbe risaltare la latitanza dell'amministrazione provinciale sul tema della messa in efficienza dell'apparato produttivo che costituisce, anche nella prospettiva e secondo le nostre convinzioni, il cuore della identità e delle vocazioni economiche della Provincia.
In verità, uno dei punti del Quadro strategico Territoriale ancora da realizzare è l'attuazione del Polo Produttivo del Circondario Oggionese nella forma di Area produttiva ecologicamente attrezzata ( PRINT) da attuare con azioni di concertazione e con atti di indirizzo, attraverso la promozione e la formazione di Agende Strategiche di coordinamento locale.
E' questa la sfida che attende la Provincia se vuol onorare il suo ruolo, non ricorrendo a generici proclami ma a concrete azioni per rendere disponibili adeguate aree industriali nel rispetto delle norme di salvaguardia ambientale.

I Circoli Legambiente di Lecco, Meratese e Lario Orientale
di Legambiente
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco