Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 305.954.817
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 16/07/2019

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 9 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Venerdì 21 marzo 2014 alle 19:02

Valletta, lieto fine per il processo a carico di Marco e Paola Panzeri: entrambi prosciolti

Paola Panzeri e Marco Panzeri
Prosciolti da ogni accusa entrambi. Marco Panzeri, ex sindaco di Rovagnate “perché il fatto non costituisce reato”. La “collega” Paola Panzeri, attuale primo cittadino di Perego, “perché il fatto non sussiste”. Happy ending per la vicenda giudiziaria che aveva trascinato a giudizio la coppia di amministratori dei due comuni della Valletta, accusati di “inosservanza” in base a quanto previsto dall’articolo 650 del codice penale per una questione risalente al 2009, originata a seguito di uno sversamento fognario in un’abitazione della frazione rovagnatese di Monte.  Il problema era infatti stato individuato in un tratto di condotto dove le acque chiare di Perego venivano convogliate nella rete fognaria di Rovagnate, creando un avvallamento del tubo e la successiva incapacità dello stesso a contenerne la portata, fino a tracimare. A fronte di ciò la Provincia con una lettera dell'aprile 2009 aveva intimato la sistemazione entro 90 giorni del problema e la redazione del programma di verifica delle emissioni delle acque meteoriche. Prescrizioni non ottemperate nella forma richiesta dei 90 giorni, ma risolte in maniera definitiva, con la soluzione del problema grazie a interventi importanti messi in campo dai due comuni. Ciò che è mancato, dunque, è stata la comunicazione che i 90 giorni erano un periodo impossibile da rispettare per fare il progetto (preliminare, definitivo ed esecutivo), ottenere il finanziamento dalla Cassa deposito e prestiti e poi realizzarla.
La pura mancanza di comunicazione era alla base dell’accusa mossa nei confronti dei due amministratori e aveva già portato alla notifica di un decreto di condanna (al pagamento di 103 euro) nei confronti di Marco Panzeri, decreto contro cui l’ex primo cittadino si era opposto, scegliendo la via del dibattimento.
Quest’oggi, alla quinta udienza, la vicenda è stata dichiarata chiusa con la sentenza di assoluzione per i due imputati pronunciata dal giudice monocratico Maria Chiara Arrighi.


Articoli correlati:

Rinviato il procedimento a carico di due sindaci per una ''mancata comunicazione''
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco