Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 306.025.211
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 16/07/2019

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 9 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Venerdì 28 giugno 2013 alle 19:01

Brivio: via libera del cc per le convenzioni per catasto e Protezione civile

Sarà discussa nel corso del prossimo consiglio comunale, in programma per il mese di luglio, la mozione presentata dal consigliere leghista Marco Scaccabarozzi circa la pericolosità della curva "della Cartiera", lungo via per Airuno. L'unico rappresentante del Carroccio in seno all'assise rivierasca, non ha infatti potuto prendere parte alla seduta convocata per ieri sera, giustificando la sua assenza e concordando dunque con il sindaco il posticipo della trattazione del documento di cui è firmatario. L'assemblea, "sgualcita" anche dalla mancanza dei consiglieri Baio, Sala, Agostoni e Airoldi, nel corso della brevissima riunione, ha però approvato le convenzioni per ulteriori due gestioni associate, in ottemperanza ai dettami della così detta Spending Review. Come il primo cittadino Ugo Panzeri aveva preannunciato nel corso dello scorso consiglio, rispondendo all'interrogazione presentata da "Brivio Rinasce", i prossimi servizi che saranno associati saranno la protezione civile e il catasto. Per quanto riguarda la prima convenzione, interesserà i comuni di Brivio, Calco, Verderio Superiore e Imbersago, che già condividono un gruppo intercomunale di volontari. Si procederà dunque alla modifica "formale" degli accordi in essere, istituendo una vera e propria funzione di Protezione civile con il comune di Imbersago capo convenzione . Sarà inoltre nominato un responsabile unico (già individuato nel tecnico comunale) che farà da coordinatore. Ad ogni comune rimarrà però in capo la responsabilità della stesura e dell'applicazione dei così detti "piani di protezione civile". Per quanto invece attiene il catasto, la convenzione sarà ancora più ampia con il coinvolgimento di tutti i comuni dell'area meratese ad eccezione di Rovagnate, Perego e Santa Maria che, avendo creato un'Unione, sono tenuti a esercitare "in proprio" anche tale funzione. Tornerà dunque in attività il servizio, già offerto fino allo scorso anno, quando "il comune di Merate aveva scelto di rompere il rapporto con l'Agenzia del Territorio" per via dei costi crescenti e del carico di lavoro richiesto divenuto insostenibile. In base ai nuovi accordi presi tra i primi cittadini del territorio, il costo annuale complessivo per la gestione del servizio, sarà di 13.500€ ed ogni comune aderente verserà una quota parte in base al numero dei suoi abitanti ad accezione di Merate, città che tornerà a ospitare lo sportello. Come reso nota dal sindaco Panzeri, ogni comune ogni tre anni, dovrà "fornire", nei periodi di massimo carico dell'ufficio, personale per 18 ore, per aiutare nel disbrigo delle pratiche. Entrambe le proposte di convenzione sono state approvate all'unanimità dall'assise briviese.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco