Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 421.549.726
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 23 agosto 2012 alle 17:28

Il Cccc di Cernusco, un esempio da imitare in altri paesi. Ma siamo sicuri che la gestione del comune non sarà un modo per dire ''questa è casa mia e qui comando io''?

Da ex cittadina di Cernusco, che ancora si sente cernuschese al di là dell'attuale residenza, mi rammarico della vicenda relativa al CCCC che apprendo dalle righe degli articoli di Merateonline; mi permetto pertanto di esternare qualche osservazione di carattere personale, premettendo di non essere né socia dell'Associazione né tantomeno avversa all'Amministrazione Comunale. Innanzi tutto devo dire che è proprio vero che le cose si apprezzano di più quando non si hanno più:  ce ne fossero, nel Comune in cui risiedo attualmente, di associazioni e iniziative come questa!!! In passato ho avuto modo di apprezzare le innumerevoli proposte del CCCC, e talvolta di partecipare alle iniziative: ho sempre trovato proposte per tutti, a prescindere dall'età, e differenziate in modo che tutti potessero trovare quel che più interessava.L'impegno profuso e le iniziative proposte in modo continuativo dal CCCC sono sotto gli occhi di tutti; ritengo che il servizio che finora ha svolto il CCCC per i cittadini, di Cernusco e non, anziani e non, sia meritevole di trovare nell'Amministrazione Comunale un riconoscimento concreto e qualcosa che vada oltre una lettera che, mi permetto di osservare, ha tutta l'aria di essere un benservito condito con un po' di salamelecchi. Al di là degli schieramenti politici, che non mi interessano e ai quali non voglio in alcun modo essere associata, ritengo che un'Amministrazione Comunale che sia al servizio dei cittadini abbia il dovere di premiare le Associazioni che si impegnano quotidianamente a fornire servizi che, almeno in alcuni casi, le stesse Amministrazioni faticano a mettere in atto; non so se questo è stato fatto per il CCCC, non voglio dubitare.Credo comunque che il CCCC abbia dimostrato di aver svolto finora un eccellente servizio agli anziani e alla popolazione di Cernusco nel suo complesso.Mi pare di capire che l'orientamento dell'attuale Amministrazione sia quello di riservare il Centro Anziani alle persone over 60 (vedi lettera aperta del Sindaco pubblicata su questo sito). Bisognerà dunque chiedere ai nostri Anziani che beneficeranno della "gestione diretta" se saranno ugualmente soddisfatti del nuovo assetto che il Centro assumerà; o se piuttosto, non sarebbe stato più opportuno consentire ai cosiddetti anziani (a sessant'anni? nel 2012?) l'integrazione con il resto della popolazione, aprendo fluidamente gli spazi a tutte le persone e le iniziative meritevoli, anzichè riservarli agli over 60.Sono certa che il CCCC continuerà a fare tanto, e a fare bene, com'è sempre stato nel suo stile; adesso è la cosiddetta "gestione diretta" che deve dimostrare, almeno agli Anziani, di essere all'altezza di quanto fatto finora da Samuele Arlati e da tutti i volontari. Un'ultima osservazione sulle comunicazioni pubblicate da Merateonline: nelle prime righe della lettera che la signora Sindaco indirizza all'Associazione CCCC si dice che "l'A.C intende iniziare un percorso di Gestione Diretta del Centro Anziani quale spazio aggregativo destinato alla fascia di cittadini anziani che possa soddisfare esigenze anche di carattere informativo e di servizi specifici"; sembra quindi da ricercarsi in questo la motivazione che spinge l'A.C. a non avvalersi più dei servizi dell'Associazione, gestendo direttamente gli spazi. In fondo alla missiva si specifica che "gli spazi del Centro Anziani Comunale saranno comunque disponibili per tutte le Associazioni o gruppi di volontariato che intendano organizzare iniziative ricreative, culturali, informative, ecc." e qualche riga dopo ci si augura "di continuare una  reciproca collaborazione e proseguire nel percorso di supporto e attenzione ai bisogni dei cittadini anziani nel rispetto dei reciproci  ruoli".Mi domando: la Gestione Diretta di cosa si occuperà, dal momento che si auspica la continua collaborazione  del CCCC e di eventuali altre associazioni? Sembra più che altro un modo diverso per dire "E questa è casa mia, e qui comando io..."
Scaccabarozzi
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco